“La regina degli scacchi”: la miniserie Netflix, metafora magistrale della vita :ilSicilia.it

La recensione

“La regina degli scacchi”: la miniserie Netflix, metafora magistrale della vita

di
2 Dicembre 2020

“The Queen’s Gambit” è una miniserie Netflix tratta dall’omonimo romanzo di Walter Tevis, scrittore statunitense nato a San Francisco nel 1928 e morto a New York nel 1984.

“La regina degli scacchi” (2020) di Scott Frank

Il film è bellissimo, una storia convincente, una sceneggiatura magistrale, la scenografia che ricrea impeccabilmente gli ambienti degli anni Cinquanta e Sessanta, i costumi magnifici, la fotografia perfetta… e poi gli attori, con a capo la talentuosa e bravissima giovane (1996) attrice e modella statunitense Anya Josephine Marie Taylor-Joy, che affascina e ipnotizza i telespettatori. Insomma, un prodotto cinematografico da prendere ad esempio e che certamente, nella diffusa mediocrità contemporanea, fa scuola!

Per mia libera scelta non guardo mai le serie TV… da adolescente fui incuriosito e moderatamente travolto dalle Telenovela latine, quali per esempio la famosissima (allora!) “La schiava Isaura” (Escrava Isaura). Una telenovela brasiliana prodotta da Rede Globo nel 1976, nonché la primissima telenovela trasmessa in Italia, che rimane una tra le telenovelas brasiliane più famose insieme a Dancin’ Days (1978), Terra nostra (1999), O clone (2001) e Da Cor Do Pecado (2004). La schiava Isaura, secondo un’indagine della trasmissione Good Morning America, è ancora oggi il prodotto televisivo più venduto e doppiato al mondo: è stata trasmessa in 130 Paesi, e addirittura in Russia diventò così popolare che la parola portoghese fazenda entrò nell’uso quotidiano. Per dire la portata che ebbero, e per certi versi hanno oggi le serie Tv, tra il pubblico televisivo di ogni estrazione sociale e di ogni fascia di età: non c’è genere cinematografico più pop e trasversale di questo!

Ma torniamo alla nostra “La regina degli scacchi”. Il mix di sentimenti ed emozioni che è in grado di produrre questo film, è davvero molteplice e tutto viene intarsiato sapientemente e magistralmente. Nulla appare eccessivo. I bisogni e le pulsioni che si susseguono nella narrazione sono tanti: l’amore, l’abbandono, il tradimento, la solitudine, la paura, il successo, la libertà, il danaro, l’amicizia vera e tradita, la disciplina e la dissolutezza, la passione e la monotonia, il sesso e l’affetto, il conscio e l’inconscio, l’angoscia e l’equilibrio, la quotidianità deprimente e le avventure più travolgenti, insomma, viene raccontata la vita com’è e, per certi versi, come la vorremmo vivere. E poi il genio che si erge imperioso per dominare tutto e tutti. Un genio che è quello per il gioco degli scacchi, ma che è anche il “genio” che rappresenta la diversità e il talento, oggi mortificati e aggrediti sistematicamente dalla società Occidentale contemporanea vittima della omogeneità e della mediocrità! Ed è proprio questo il punto focale che lo spettatore, senza neanche rendersene conto, trova potentemente empatico e travolgente: l’ammirazione e il rispetto assoluto e incondizionato per il genio, per il talento e per il diverso da noi! Qualità queste che invece, dall’attuale “sistema” socio-politico-culturale dominante, quello contemporaneo frutto dell’abbandono degli storici principi etici e morali della cultura Occidentale giudaico-cristiana, vengono necrotizzate e costrette dall’azione di globalizzazione e omogeneizzazione a tutti i costi, a soccombere irreversibilmente! In tutto questo il gioco degli scacchi rappresenta il palcoscenico dove tutto accade, ma al contempo lo immaginiamo, guardando le sette puntate, come una straordinaria metafora della vita e della società.

Trama da Coming Soon:

«La regina degli scacchi è una miniserie di Netflix creata dal nominato all’Oscar Scott Frank (Godless) con Allan Scott basandosi su un romanzo di Walter Tevis. Il drama, una storia di formazione che esplora il prezzo della genialità, racconta la storia di Beth Harmon (Anya Taylor-Joy, Peaky Blinders), una giovane donna che, crescendo in un orfanotrofio del Kentucky verso la fine degli anni ’50, ha scoperto di avere un talento incredibile per il gioco degli scacchi, sviluppando però al contempo un problema di dipendenza dai tranquillanti che lo Stato somministrava ai bambini come sedativi. Tormentata dai propri demoni e sospinta da una miscela di narcotici e ossessioni, Beth si trasforma in una figura eccentrica, estremamente abile e glamour, decisa a superare i confini tradizionali del mondo competitivo e prettamente maschile delle gare di scacchi, fino a conquistarlo. Nella miniserie recitano anche Marielle Heller nei panni di Alma Wheatley, una casalinga sola che adotta Beth; Thomas Brodie-Sangster (Il Trono di Spade) di Benny, un arrogante bambino prodigio degli scacchi che diventa presto il rivale numero uno di Beth; Bill Camp (The Outsider) del Sig. Shaibel, colui che insegna a Beth come giocare; oltre a Harry Melling e Moses Ingram».

 

“La regina degli scacchi” su Netflix

https://www.netflix.com/it/title/80234304

Scheda IMDb

https://www.imdb.com/title/tt10048342/

Trailer su YouTube

Andrea Giostra

https://www.facebook.com/andreagiostrafilm/ 

https://andreagiostrafilm.blogspot.it

https://www.youtube.com/channel/UCJvCBdZmn_o9bWQA1IuD0Pg

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin