La Regione che verrà, il turnover dei dipendenti e lo scenario 2.0 :ilSicilia.it

Le scommesse del nuovo esecutivo

La Regione che verrà, turnover dei dipendenti e scenario 2.0

di
14 Luglio 2018

Sono poche, pochissime, le certezze sul riordino degli uffici della Regione nei prossimi anni. E partono dai numeri.

Oggi alla Regione sono in 14.653.  Tre anni fa, nell’esercito sterminato della macchina burocratica superavano i 17mila. Dopo la finanziaria del 2015 si è dato vita all’esodo, programmato fino al 2020 per sfoltire i ranghi e rideterminare le posizioni. Al 31 dicembre del 2015 i dipendenti in servizio erano 14.490 nel comparto, 1646 per quanto riguarda la dirigenza.

Il costo complessivo degli stipendi ammontava a 915,5 milioni. Al 31 dicembre 2016 i dipendenti in servizio erano 13.341 e 1.442 nella dirigenza, per un costo di 824,7 milioni di euro.

Una cifra che è andata diminuendo alla scadenza dello scorso anno quando il numero dei regionali è arrivato a 12.760 nel comparto e a 1.330 tra i dirigenti ancora in servizio. La spesa per il trattamento economico si è attestata invece a 786,9 milioni di euro.

All’interno di questo numero sono ricompresi i pochi e limitati casi dei pensionamenti ordinari, per intenderci quelli che non sono andati via con la legge regionale 9 del 2015.

Ma i regionali 2.0, la versione smart, quella destinata al turnover e quindi a rimpiazzare le risorse che completeranno l’esodo dei prepensionamenti, rispondono a un identikit tutto da inventare.

L’unica cosa su cui si può scommettere sin da ora è che il vento della polemica soffierà sempre forte. L’ultimo, ma solo in ordine cronologico, tassello su cui si sono innescate mille polemiche, è stata la norma, impugnata da Roma e quindi cassata, che all’articolo 22 della finanziaria regionale consentiva un anticipo della liquidazione della buonuscita.

Fulvio Pantano , segretario generale del Sadirs, spiega che “le norme impugnate sono inviate dal Consiglio dei ministri alla Corte costituzionale che avrà i suoi tempi per decidere se sono effettivamente incostituzionali. Ma nel frattempo se non viene approvato a un articolo che prevede la loro abrogazione, queste norme sono vigenti e producono effetti. In ogni caso non si può dire che rappresentino un privilegio”.

Un fatto che non aiuta a far chiarezza su prerogative, status, privilegi, e alimenta, spesso  a dismisura, le critiche , che pure poggiano su basi anche oggettive in alcuni casi, è l’organizzazione del lavoro che spesso risulta datata e anacronistica. Non sono in pochi a ritenere che essa vada ripensata e resa più fluida. Anche su questo si gioca la scommessa dell’assessore Bernardette Grasso.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.