La Regione dei bersagli facili lancia la stabilizzazione dei precari :ilSicilia.it

Le scelte del nuovo governo

La Regione dei bersagli facili lancia la stabilizzazione dei precari

di
18 Aprile 2018

Tempo di finanziaria, tempo di scelte che portano polemiche. Momenti che a volte nascondono rancori, spesso dissimulano verità nascoste dietro falsi luoghi comuni. Negli ultimi giorni, una volta di più, si è acceso il dibattito sul numero, spropositato dei regionali, specie mai a rischio d’estinzione, sul loro utilizzo, tra sedi centrali e periferiche, con Musumeci che in più di un’occasione non ha nascosto il problema, anzi lo ha evidenziato con attenzione, e il mondo dei sindacati, che, opportunamente e istituzionalmente, ha tenuto il punto difendendo la categoria.

Bernardette Grasso, assessore alla Funzione pubblica e alle Autonomie locali, ha mediato tra le parti con disinvoltura, ponendo l’attenzione su alcune parti specifiche della questione, in sé complessa e anche contraddittoria: “Il contratto dei dipendenti regionali- assicura- potrà portare a un migliore organizzazione del lavoro, ma non è corretto dire che in nome di questo si stanno chiedendo sacrifici ad altre categorie. Le risorse in questione non intaccano le altre dotazioni”.

Il problema c’è e non conviene a nessuno nasconderlo. Il sovradimensionamento del personale e la mancanza di alcuni profili professionali nello sterminato esercito della Regione, è un contrasto di logica che grida vendetta. Ma solo fino a un certo punto è un problema senza soluzione. Grasso infatti ha chiarito: “C’è un problema di carenza di personale, è inutile negarlo – aggiunge l’assessore forzista-  Mancano avvocati, tecnici, ingegneri e informatici, tanto per citare alcuni profili, come ha già ricordato il presidente Musumeci. Proprio per questo chiederemo a Roma una deroga al blocco delle assunzioni per poter ipotizzare nuovi concorsi da fare non subito, ma nei prossimi anni. A deroga ottenuta, a partire dal 2019 potremmo anche fare ripartire la macchina dei concorsi”.

L’uovo di Colombo consiglia prudenza e riflessione, oltre all’accurata capacità di guardarsi intorno verso la platea dei lavoratori da stabilizzare, molti dei quali si caratterizzano per affidabilità ed efficienza nel loro lavoro. Su questo Grasso aggiunge: “c’è un precariato storico che è figlio di altri tempi, ma  che c’è gente che lavora in Regione da 30 anni e ha acquisito anche in virtù di sentenze della Corte costituzionale un diritto pieno. La norma che riguardava la mobilità del personale delle ex Province indirettamente ostacolava il percorso di stabilizzazione dei precari storici. Come se non bastasse Crocetta nell’accordo che ha firmato con lo Stato  della riduzione del 3% della spesa, aveva previsto anche la riduzione del 15% del personale delle ex Province”.

In altre parole, potrebbe essere la volta buona per passare dalle parole ai fatti e chiudere una delle pagine più snervanti e logoranti degli ultimi anni, stabilizzando i precari siciliani.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.