La Regione presenta ricorso alla Consulta sui fondi per le periferie tolti alla Sicilia :ilSicilia.it

La Sicilia rivendica i soldi tolti dal decreto milleproroghe

La Regione presenta ricorso alla Consulta sui fondi per le periferie tolti alla Sicilia

di
2 Ottobre 2018

Palermo batte un colpo. Pesante. Il governo regionale guidato da Nello Musumeci ha deciso di fare ricorso dopo la decisione del governo nazionale, contenuta nel Milleproroghe.

“Abbiamo impugnato davanti alla Corte costituzionale, – ha spiegato Musumeci in una nota- nell’interesse delle Città metropolitane e dei Comuni coinvolti, la legge con la quale il governo nazionale ha congelato fino al 2020 le risorse destinate alla riqualificazione di 120 periferie in Italia. Lo facciamo perché siamo convinti che si tratta di una decisione sbagliata, che penalizza, ancora di più, le aree già svantaggiate come la Sicilia: e a subirne gli effetti saranno i più deboli.

Il presidente della Regione, con un atto politico dal significato chiaro e semplice da interpretare ha aggiunto: “ Più che facilitare gli investimenti nelle aree degradate del Paese, si sono bloccati anche quelli già avviati. Una scelta  che in Sicilia coinvolge molti progetti per diverse centinaia di migliaia di euro. Anche per questo motivo, qualora dovesse essere confermata la decisione del governo centrale, ci faremo carico di finanziare, con fondi extraregionali, alcune delle opere ‘congelate ‘ ”

Telegrafico il sindaco di Palermo e presidente di Anci Sicilia Leoluca Orlando, che in una nota esprime sostegno all’iniziativa di Palazzo d’Orleans: “L’impugnativa del Decreto “Milleproroghe” da parte del Governo regionale è certamente un importante segnale di attenzione alle necessità e alle ragioni degli Enti Locali e ai bisogni dei territori.”

La vicenda dunque, cominciata quasi un mese fa, si arricchisce di un nuovo capitolo. Anche il nuovo sindaco di Catania Salvo Pogliese  aveva protestato vibratamente contro  la decisione. Le somme in questione, che l’emendamento ha poi stornato, erano state destinate in passato per interventi di risanamento urbano nelle aree periferiche del Sud.

Palazzo d’Orleans dunque non fa sconti al governo nazionale. Dopo l’impugnativa contro il bilancio dello Stato di febbraio scorso, arriva un altro passaggio non di poco conto. Adesso la parola, passa alla Consulta.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.