7 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.50

L'annuncio dell'assessore ai Trasporti

La Regione ripara settanta strade provinciali. Falcone: “Mille posti di lavoro” | Videointervista

5 Marzo 2019

Guarda la videointervista in alto

La Regione corre in aiuto degli enti intermedi siciliani e mette a punto un piano da 102 milioni per 70 interventi di manutenzione nelle strade provinciali. Interessato il territorio di tutti i liberi consorzi e città metropolitane dell’isola e daranno lavoro, secondo le previsioni dell’assessore Marco Falcone, “a un migliaio di persone“.

Si tratta di interventi finanziati con risorse provenienti dal Patto per il Sud, grazie alla riprogrammazione, e Accordi di programma quadro, per un ammontare di un milione-un milione e mezzo ciascuno, con picchi da tre-quattro milioni per quelli più incisivi. In alcuni casi i fondi saranno gestiti dalle Province, in altri direttamente dalla Regione.

A Palermo e provincia sono undici gli interventi in programma, per uno stanziamento che ammonta a circa 17.2 milioni di euro. A Catania si svolgeranno lavori per 16,6 milioni, distribuiti su otto interventi. Nella Città metropolitana di Messina verranno effettuati nove interventi per 17,2 milioni, tanti quanti a Trapani, sebbene qui la cifra stanziata ammonti a 13,5 milioni.

Nell’Agrigentino lo stanziamento più basso, per un ammontare di 3,4 milioni, che serviranno a coprire le spese di quattro interventi. Ben dieci, invece, gli interventi nel territorio del Libero consorzio di Caltanissetta, per uno stanziamento di 6,5 milioni di euro. A Enna e provincia arrivano 8,1 milioni di euro per otto interventi: praticamente una media di un milione a cantiere. A Ragusa sei interventi con uno stanziamento da 5,2 milioni. Nel Libero consorzio di Siracusa, infine, cinque interventi per 11,1 milioni.

Gli enti intermedi sono stati di fatto annullati, così abbiamo assistito all’azzeramento dei servizi – afferma l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti Marco Falcone, per questo motivo abbiamo deciso la stipula di una convenzione con le ex Province“. La Regione si sostituisce agli enti, dunque, e subentrerà in tutto il percorso di realizzazione degli interventi, dalla progettazione, tramite l’ufficio speciale costituito dalla giunta Musumeci, all’esecuzione dei lavori, facendo riferimento al Genio civile: “Crediamo di potere mandare i lavori in gara nel giro di cinque mesi – afferma Falcone –, ma contiamo che una ventina possano iniziare iniziare nei prossimi entro 120 giorni“.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.