La Regione Siciliana lancia concorso per 1340 lavoratori, da potenziare Centri per l'impiego ed uffici :ilSicilia.it

NUOVE POSIZIONI APERTE PER DIPLOMATI E LAUREATI

La Regione Siciliana lancia concorso per 1340 lavoratori, da potenziare Centri per l’impiego ed uffici

di
24 Ottobre 2020

La Regione Siciliana lancia 1.340 nuove assunzioni all’interno dei Centri per l’impiego e nella Pubblica Amministrazione.

Le posizioni saranno destinate ad altrettati diplomati e laureati e saranno così distribuite: 1.300 andranno a potenziare i CpI dell’Isola, mentre i restanti 40 posti si libereranno negli uffici.

IL CONCORSO

Gli avvisi pubblici andranno in giunta la settimana prossima. Da quel momento la macchina della selezione si metterà in moto per andare in porto entro fine anno, quando dovrebbe essere celebrata la prima prova.

La porzione più consistente della selezione è quella dei Centri per l’impiego. La metà dei posti sarà riservata ai laureati, mentre per gli altri sarà sufficiente il diploma. In entrambi i casi, la Regione ha intenzione di affidarsi alla commissione Ripam. L’organismo interministeriale gestisce infatti i concorsi nella pubblica amministrazione e li attua tramite la piattaforma Formez.

La selezione, o almeno la preselezione dei candidati, avverrà con un test di cultura generale con domande a risposta multipla.

Intanto la Regione mette i motori avanti sulla riorganizzazione del personale. Martedì alle 16 si avvierà il confronto con i sindacati, che però hanno già confermato la protesta in programma il giorno prima per contestare le battute di Musumeci contro i dipendenti, giudicati “inutili nel 70 per cento dei casi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin