La Regione stanzia 15 milioni per le aziende agricole. Scilla: "Un segnale di speranza" | VIDEO :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

la conferenza stampa

La Regione stanzia 15 milioni per le aziende agricole. Scilla: “Un segnale di speranza” | VIDEO

di
27 Aprile 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A Palazzo d’Orléans , l‘assessore regionale all’Agricoltura, allo Sviluppo rurale e alla Pesca mediterranea, Toni Scilla, e il dirigente del dipartimento Agricoltura, Dario Cartabellotta, hanno presentato alla stampa l‘Avviso pubblico che prevede l’erogazione di una dotazione finanziaria da 15 milioni di euro a fondo perduto, destinati alle aziende agricole siciliane.

Beneficiari degli aiuti economici, che andranno da un minimo di 1000 euro ad un massimo di 15 mila euro per ciascun interessato, saranno le imprese del comparto agricolo che nel periodo tra il 12 marzo e il 4 maggio del 2020 abbiano subito perdite di fatturato superiori al 60% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un contributo, quindi, per compensare i danni cagionati dall’emergenza epidemiologica da Coronavirus, nel periodo del lockdown considerato.

L’avviso pubblico è rivolto, nello specifico, al settore del florovivaismo che produce circa 400 milioni di euro all’anno, particolarmente vessato dalla crisi sanitaria, se si pensa alle chiusure di negozi e mercati, alla sospensione delle cerimonie civili e religiose ed alla riduzione delle occasioni di socialità e convivialità.

Una misura che tiene conto delle specificità settoriali e delle eccellenze territoriali, con l’obiettivo di rilanciare tutte le attività del comparto regionale.

Bando partirà domani e al quale il governo regionale dà rilevanza sotto l’aspetto di vicinanza al comparto agricolo tra i più importanti dello sviluppo economico del territorio. Questa misura dimostra agli imprenditori agricoli la vicinanza del governo Musumeci, imprenditori che si occupano di produzione primaria in agricoltura, zootecnia, imprese floricole, non è rivolto alle strutture di commercializzazione”, ha spiegato l’assessore Scilla.

E’ una attestazione di rilancio e di speranza,  che va a ristorare rispetto alla misurazione del reddito, del fatturato relativo al periodo del lockdown. Siamo convinti che si tratti di una misura che serve a questo importante mondo produttivo, un futuro migliore per la Sicilia e per i siciliani. Si tratta di un contributo a fondo perduto – ha aggiunto l’esponente del governo Musumeci– e abbiamo diminuito un pò il premio per consentire a tutti di partecipare. E’ un bando veloce, snello, non è previsto presentare il Durc perché significherebbe prenderli in giro, e non vogliamo far perdere tempo”.

E’ un bando veloce ed intelligente”, ha detto l’assessore Scilla, considerato che le domande potranno essere presentate dal 5 maggio 2021 al 7 luglio 2021, e non sono previste proroghe.

L’Ars ha votato questa copertura finanziaria prevista nella legge di stabilità 2020-2022. E’ possibile recuperare ulteriori 5 milioni di euro anche per la floricoltura, anch’essa attività primaria. Pronti per far partire la zootecnia,  l’igiene e benessere animale. L’avviso rientra nella norma della finanziaria regionale approvata l’anno scorso. Inoltre, Stiamo cercando di recuperare ulteriori 5 milioni di euro per le aziende florovivaistiche passando così ad una dotazione finanziaria di 20 milioni di euro. Il governo Musumeci vuole sostenere il rilancio produttivo di un settore fondamentale per la Sicilia”.

L’assessore Scilla ha sottolineato, durante la conferenza stampa, che la Regione Siciliana rischia di perdere 140 milioni di euro, fondi che sarebbero sottratti al settore agricolo. Per questa ragione, l’esponente del governo Musumeci, domani volerà a Roma per ribadire il “no” all’ipotesi di modifica dei criteri di riparto dei fondi Psr per le annualità 2021 e 2022, sostenuta, invece, dalla gran parte delle Regioni, ad eccezione della Sicilia e di altre cinque Regioni.

“Non si possono cambiare le regole mentre la partita è in gioco – dice Scilla – Domani lo dirò in Conferenza in rappresentanza del governatore Musumeci, poi incontrerò il sottosegretario Battistoni”.

Se non ci sarà l’accordo in Conferenza Stato-Regioni, la palla passerà al Consiglio dei Ministri che avrà trenta giorni di tempo per decidere. “Vedremo che succederà, se si vogliono applicare nuovi criteri lo si faccia dal 2023 e non in questo momento, anche perché cambiando ora le regole si va a incidere sulle quote di cofinanziamento determinando problemi seri”, conclude l’assessore.

Vincolati a questa trattativa ci sono due bandi ai quali la Regione ha già lavorato: 30 milioni per l’igiene e il benessere degli animali e 50 milioni per il concetto di filiera.

Quindici milioni di euro a fondo perduto per le aziende agricole di produzione primaria che dimostreranno con perizia asseverata di avere perso oltre il 60% di fatturato nel primo lockdown 2020, dal 12 marzo al 4 maggio” ha detto Cartabellotta.

Gli interventi coprono le perdite di reddito del periodo 12 marzo- 4 maggio. La norma è riferita a questo periodo e a quelle aziende che hanno abbassato la saracinesca. Il covid ha azzerato feste, comunioni, battesimi, matrimoni, danni indotti dal covid, colpiti anche il settore florovivaismo, il comparto dei formaggi storici e tipici del territorio. L’impresa dovrà dimostrare questa perdita di reddito. Il bando è davvero semplice, un modo per snellire la burocrazia e far  correre la pubblica amministrazione”, ha aggiunto Cartabellotta.

Passando alle precisazioni tecniche e giuridiche, le condizioni per l’ammissione al bando sono le seguenti: l’iscrizione al registro delle imprese della Camera di Commercio, Industria e Agricoltura (CCIAA), fatte salve le condizioni di esenzione dall’obbligo di iscrizione in base alla normativa vigente; fascicolo aziendale aggiornato e validato; risultare attiva alla data della presentazione delle domande; perdite di fatturato superiori al 60%.

Ulteriore documentazione da allegare alla domanda di partecipazione all’avviso pubblico riguarda la dichiarazione ai sensi del DPR 445/2000 del consulente fiscale, attestante la perdita di fatturato oltre il 60% nel periodo del lockdown dal 12 marzo al 4 maggio rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente; senza dimenticare il documento di identità.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti