La resistenza del principe di Castelnuovo contro il Regno delle Due Sicilie | ilSicilia.it :ilSicilia.it

La resistenza del principe di Castelnuovo contro il Regno delle Due Sicilie

26 Luglio 2019

La responsabilità della decisione del dicembre 1816 di unificare i dure regni, quello di Sicilia e quello di Napoli, per dar vita ad una nuova entità, cioè al Regno Delle Due Sicilie, si fa tradizionalmente risalire a re Ferdinando ed ai suoi più stretti collaboratori.

In realtà quella decisione era già stata assunta l’anno precedente e della stessa si era fatto mentore il governo di Sua Maestà Britannica e, in prima battuta dall’ambasciatore sir William A’ Court, nel corso della definizione del protocollo finale elaborato dal Congresso di Vienna. Infatti, nonostante qualche perplessità avanzata da alcuni dei partecipanti, alla fine, in ossequio al principio di “legittimità”venne deciso di restituire i territori già parte dei domini borbonici, a Ferdinando.

L’articolo centoquarantaquattro del lungo protocollo decretava, infatti, Ferdinando “re del regno delle Due Sicilie” piuttosto che, come sarebbe stato più corretto, di “re delle due Sicilie”. Una differenza apparentemente insignificante ma che, in realtà, significava la dichiarazione di estinzione dell’antico Regno di Sicilia e l’aggregazione dell’isola nel contesto  di un regno più vasto, appunto il futuro Regno delle due Sicilie. Chi di questa furbata si rese conto fu l’onesto e ascoltato principe Carlo Cottone di Castelnuovo che, dopo il ritorno dei Borbone, si defilò rimanendo in posizione d’attesa.

Fu Francesco di Borbone, erede al trono e già firmatario della Costituzione in nome e per conto del padre, a tentare di ammorbidire la situazione ma lo fece, com’era d’altra parte nel suo stile, in maniera maldestra. Egli pensava infatti che i siciliani avessero ammorbidito il loro attaccamento alla costituzione, ma si sbagliava. Arrivato il 6 luglio 1816 a Palermo, ebbe un’accoglienza festosa ma non gli ci volle molto a rendersi conto che le manifestazioni di giubilo erano sovrastate dalle grida frenetiche di “Viva l’indipendenza e la Costituzione”.

Di fronte all’ostinazione del Castelnuovo, Francesco immaginò di poterlo blandire e, contando sul fatto che gli aristocratici siciliani erano particolarmente avidi di titoli e onorificenze, gli fece pervenire un cofanetto dentro il quale c’erano “la fascia di San Gennaro” e la “Chiave di gentiluomo di camera”. Castelnuovo, con grande dignità, ricompose con cura gli oggetti nello scrigno e dopo averli riconsegnati al dignitario che glieli aveva consegnati, si dice che avesse detto “Ringraziate per me S.A.R ma riferitegli che, alla mia età, non depone bene trastullarsi con i balocchi”.

Il vecchio politico siciliano, dopo avere tentato di convincere i suoi amici aristocratici ad adottare la resistenza passiva contro le pretese borboniche, si risolse ad adottarla singolarmente. Fu il solo, ad esempio, a rifiutare di pagare le imposte attendendo, come di fatto avvenne, di essere costretto a forza a pagarle.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.