La resistenza del principe di Castelnuovo contro il Regno delle Due Sicilie | ilSicilia.it :ilSicilia.it

La resistenza del principe di Castelnuovo contro il Regno delle Due Sicilie

26 Luglio 2019

La responsabilità della decisione del dicembre 1816 di unificare i dure regni, quello di Sicilia e quello di Napoli, per dar vita ad una nuova entità, cioè al Regno Delle Due Sicilie, si fa tradizionalmente risalire a re Ferdinando ed ai suoi più stretti collaboratori.

In realtà quella decisione era già stata assunta l’anno precedente e della stessa si era fatto mentore il governo di Sua Maestà Britannica e, in prima battuta dall’ambasciatore sir William A’ Court, nel corso della definizione del protocollo finale elaborato dal Congresso di Vienna. Infatti, nonostante qualche perplessità avanzata da alcuni dei partecipanti, alla fine, in ossequio al principio di “legittimità”venne deciso di restituire i territori già parte dei domini borbonici, a Ferdinando.

L’articolo centoquarantaquattro del lungo protocollo decretava, infatti, Ferdinando “re del regno delle Due Sicilie” piuttosto che, come sarebbe stato più corretto, di “re delle due Sicilie”. Una differenza apparentemente insignificante ma che, in realtà, significava la dichiarazione di estinzione dell’antico Regno di Sicilia e l’aggregazione dell’isola nel contesto  di un regno più vasto, appunto il futuro Regno delle due Sicilie. Chi di questa furbata si rese conto fu l’onesto e ascoltato principe Carlo Cottone di Castelnuovo che, dopo il ritorno dei Borbone, si defilò rimanendo in posizione d’attesa.

Fu Francesco di Borbone, erede al trono e già firmatario della Costituzione in nome e per conto del padre, a tentare di ammorbidire la situazione ma lo fece, com’era d’altra parte nel suo stile, in maniera maldestra. Egli pensava infatti che i siciliani avessero ammorbidito il loro attaccamento alla costituzione, ma si sbagliava. Arrivato il 6 luglio 1816 a Palermo, ebbe un’accoglienza festosa ma non gli ci volle molto a rendersi conto che le manifestazioni di giubilo erano sovrastate dalle grida frenetiche di “Viva l’indipendenza e la Costituzione”.

Di fronte all’ostinazione del Castelnuovo, Francesco immaginò di poterlo blandire e, contando sul fatto che gli aristocratici siciliani erano particolarmente avidi di titoli e onorificenze, gli fece pervenire un cofanetto dentro il quale c’erano “la fascia di San Gennaro” e la “Chiave di gentiluomo di camera”. Castelnuovo, con grande dignità, ricompose con cura gli oggetti nello scrigno e dopo averli riconsegnati al dignitario che glieli aveva consegnati, si dice che avesse detto “Ringraziate per me S.A.R ma riferitegli che, alla mia età, non depone bene trastullarsi con i balocchi”.

Il vecchio politico siciliano, dopo avere tentato di convincere i suoi amici aristocratici ad adottare la resistenza passiva contro le pretese borboniche, si risolse ad adottarla singolarmente. Fu il solo, ad esempio, a rifiutare di pagare le imposte attendendo, come di fatto avvenne, di essere costretto a forza a pagarle.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 17:03