La ricandidatura di Musumeci, il ritorno di Razza e le deleghe: i temi del vertice di maggioranza :ilSicilia.it

il fatto

La ricandidatura di Musumeci, il ritorno di Razza e le deleghe: i temi del vertice di maggioranza

di
6 Maggio 2021

Si dovrà attendere un secondo vertice di maggioranza per trovare la quadra, ma sembra che la volontà politica del centrodestra ci sia: Nello Musumeci potrebbe essere il successore di se stesso per la candidatura del centrodestra alla carica di Presidente della Regione siciliana. L’occasione per l’annuncio ufficiale potrebbe essere una manifestazione pubblica a metà giugno: un momento per fare il bilancio dell’attività di governo e, appunto, lanciare la corsa al secondo mandato da governatore.

Bisognerà ancora lavorare, dopo il vertice di maggioranza di questa settimana, che ha visto la presenza di quasi tutti gli alleati. C’erano Fratelli d’Italia, con sindaco di Catania Salvo Pogliese e Giampiero Cannella, Forza Italia con Gianranco Micciché, il neo coordinatore Massimo Dell’Utri per Cantiere Popolare. Per l’Udc Decio Terrana, mentre per Diventerà Bellissima Gino Ioppolo e Giuseppe Catania.

Quasi tutti, appunto: si registra l’assenza di Lega ed Mpa, che ha reso necessaria la convocazione di una altro incontro. Intanto sembra che i presenti abbiano preso di buon grado l’ipotesi di una candidatura di Musumeci, a partire da Gianfranco Micciché. Che però, a quanto pare, non ha gradito i dettagli di un’altra questione, quella della ‘ricomposizione della giunta.

Sì perché al vertice di maggioranza si è parlato anche del ritorno di Ruggero Razza in giunta, ma con un ruolo diverso rispetto a quello ricoperto fino a qualche settimana fa: non più alla Sanità ma ai Trasporti. E nel turbinio delle porte girevoli, l’ipotesi sarebbe  più accreditata sarebbe quella di vedere Marco Falcone al timone dell’assessorato di piazza Ottavio Ziino. Ed è qui che Micciché avrebbe posto il veto: “Lieti per il rientro di Ruggero, ma il nostro assessore ce lo scegliamo da soli“, sarebbero state le parole del luogotenente di Berlusconi in Sicilia in un incontro preliminare a quattr’occhi con Musumeci. A questo punto il governatore starebbe riflettendo sulla possibilità di riportare Razza al timone della Salute, per non guastare la pace appena fatta con Micciché.

E qui si inquadra un altro retroscena: proprio quest’incontro avrebbe fatto arrabbiare l’autonomista Roberto Di Mauro. Il vicepresidente dell’Ars non l’avrebbe presa bene, lanciando l’accusa al governatore di incontrare riservatamente chi fa più fracasso in maggioranza per ‘concedersi’ ai più leali soltanto negli incontri collettivi.

Insomma, un vertice dalla doppia lettura per il governatore: se da un lato Musumeci può ritenersi soddisfatto per l’avvio del percorso per la propria ricandidatura e per il rientro di Razza in giunta, dall’altro deve fare i conti con le caselle da sistemare nell’esecutivo regionale e con le richieste degli alleati. Per capire come evolverà la situazione, come detto, sarà necessario attendere un secondo vertice.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.