20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.44
Palermo

il 10 luglio

“La riforma amministrativa in Sicilia”: il seminario studio a Palermo

7 Luglio 2019

Si terrà a Villa Malfitano a Palermo, il 10 luglio un seminario studio su “La riforma amministrativa in Sicilia, trasparenza, semplificazione e razionalizzazione“.

Relazioneranno: Fabrizio Tigano, Ordinario di Diritto Amministrativo, presso l’Università degli Studi di Catania; Francesco Astone, Ordinario di Diritto Amministrativo, presso l’Università degli Studi di Messina; Riccardo Ursi
Ordinario di Diritto Amministrativo, presso l’Università di Palermo; Maria Immordino, Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Sicilia; Pino Zingale, Presidente della Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti per la Regione Trentino Alto Adige – sede di Trento.

Interverranno: Dario Immordino, Avvocato Amministrativista del Foro di Palermo; Massimiliano Mangano,
Avvocato Amministrativista del Foro di Palermo, Direttore editoriale Quotidiano d’informazione giuridica NORMA – dbi; Patrizia Stallone, Avvocato Amministrativista del Foro di Palermo.

Le conclusioni saranno di Bernadette Grasso, Assessore delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica della Regione Siciliana.

Coordinatore: Pier Luigi Matta, Vicepresidente Libera Università della Politica.

Un seminario che prende spunto dalla legge n. 7 del 21 maggio 2019, pubblicata nella G.U.R.S. 23 maggio 2019, n. 23, introduce rilevanti innovazioni finalizzate a indirizzare l’organizzazione amministrativa, l’esercizio della funzione pubblica e l’erogazione dei servizi e delle prestazioni di tutte le amministrazioni pubbliche nel territorio regionale al conseguimento degli obiettivi di buon andamento, efficienza, economicità, imparzialità prescritte dalle disposizioni costituzionali, ed a consolidare le garanzie di soddisfazione dei diritti dei cittadini.

Le disposizioni relative alla suddivisione della responsabilità all’interno delle strutture burocratiche, ai tempi e all’obbligo di
conclusione del procedimento, all’esercizio dei poteri sostitutivi in caso di inerzia, all’estensione degli obblighi di trasparenza e del ricorso agli strumenti telematici, al consolidamento degli istituti di semplificazione, alle forme di raccordo ed alle modalità di soluzione dei conflitti tra amministrazioni ed uffici titolari di competenze in relazione al medesimo procedimento,
introducono un modello di amministrazione fondato su logiche di azione e modalità di esercizio dei poteri e delle prerogative pubbliche radicalmente differenti rispetto al passato.

La rilevanza delle disposizioni adottate, l’ampia estensione del relativo perimetro di applicazione (Comuni e tutti gli enti pubblici e le aziende collegate) e la profonda innovazione del precedente contesto normativo rendono utile promuovere la conoscenza delle nuove disposizioni per favorirne la piena, corretta e proficua comprensione ed applicazione da parte di tutti i
soggetti titolari di competenze e portatori di interessi.

 

SCARICA IN BASSO IL PROGRAMMA:

La riforma amministrativa in Sicilia

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.