18 marzo 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.15
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

Musumeci accelera sugli scali nell'Isola

La rivoluzione degli aeroporti in Sicilia. Il governo regionale presenta il suo piano

10 luglio 2018

Palermo-Trapani da una parte e Catania-Comiso dall’altra.

Un asset unico con due diramazioni, e comunque due soli bracci operativi per gestire gli aeroporti siciliani. Questa, l’idea del governo regionale con Nello Musumeci che lunedì a Catania ha incontrato i rappresentanti degli scali dell’Isola. Qualcosa di più di un semplice aggiornamento programmatico.

Lo stesso governatore siciliano ha fatto una sintesi della giornata, mettendo al centro i contenuti: “I vertici dei sei aeroporti siciliani hanno manifestato interesse verso la proposta del governo regionale di creare solamente due società, una orientale e una occidentale, per la gestione degli scali di Palermo, Catania, Trapani, Comiso, Pantelleria e Lampedusa. Bisogna adesso verificare la volontà dei soci. E questo sarà fatto in incontri bilaterali che il Governo della Regione promuoverà entro l’estate”.

All’incontro hanno partecipato anche il presidente dell’Enac, Vito Riggio e gli assessori regionali Gaetano Armao, Ruggero Razza, Sandro Pappalardo, Mimmo Turano, Marco Falcone e Toto Cordaro.

La Sicilia intanto comincia a lavorare per avere i benefici della continuità territoriale, ma tradurre in atti e benefici  concreti il progetto, anche in questo caso, richiede slancio e tempi certi. I bilanci degli aeroporti più piccoli, Comiso, ad esempio, ma anche Trapani, non sono floridi e nello  scalo trapanese Ryanair ha sensibilmente ridotto i voli.

Né Palermo vorrà ragionevolmente intestarsi lo stato di crisi di Trapani, né Catania le difficoltà dello scalo di Comiso. In ogni caso il percorso è tutto da definire nei dettagli e non sarà un’opera facile. Né rapida da compiere.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Wanted perde un uomo fondamentale

Il 10 marzo del 241 a.C. la battaglia delle Egadi metteva fine alla prima guerra punica cambiando la storia del Mediterraneo con la vittoria dei Romani sui Cartaginesi.