23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42

Musumeci accelera sugli scali nell'Isola

La rivoluzione degli aeroporti in Sicilia. Il governo regionale presenta il suo piano

10 Luglio 2018

Palermo-Trapani da una parte e Catania-Comiso dall’altra.

Un asset unico con due diramazioni, e comunque due soli bracci operativi per gestire gli aeroporti siciliani. Questa, l’idea del governo regionale con Nello Musumeci che lunedì a Catania ha incontrato i rappresentanti degli scali dell’Isola. Qualcosa di più di un semplice aggiornamento programmatico.

Lo stesso governatore siciliano ha fatto una sintesi della giornata, mettendo al centro i contenuti: “I vertici dei sei aeroporti siciliani hanno manifestato interesse verso la proposta del governo regionale di creare solamente due società, una orientale e una occidentale, per la gestione degli scali di Palermo, Catania, Trapani, Comiso, Pantelleria e Lampedusa. Bisogna adesso verificare la volontà dei soci. E questo sarà fatto in incontri bilaterali che il Governo della Regione promuoverà entro l’estate”.

All’incontro hanno partecipato anche il presidente dell’Enac, Vito Riggio e gli assessori regionali Gaetano Armao, Ruggero Razza, Sandro Pappalardo, Mimmo Turano, Marco Falcone e Toto Cordaro.

La Sicilia intanto comincia a lavorare per avere i benefici della continuità territoriale, ma tradurre in atti e benefici  concreti il progetto, anche in questo caso, richiede slancio e tempi certi. I bilanci degli aeroporti più piccoli, Comiso, ad esempio, ma anche Trapani, non sono floridi e nello  scalo trapanese Ryanair ha sensibilmente ridotto i voli.

Né Palermo vorrà ragionevolmente intestarsi lo stato di crisi di Trapani, né Catania le difficoltà dello scalo di Comiso. In ogni caso il percorso è tutto da definire nei dettagli e non sarà un’opera facile. Né rapida da compiere.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.