"La Rosa d'oro" da Borges a Madison Cox: la XII edizione al celebre paesaggista americano | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

La consegna venerdì 17 a Villa Malfitano

“La Rosa d’oro” da Borges a Madison Cox: la XII edizione al celebre paesaggista americano | Video interviste

13 Maggio 2019

Guarda le video interviste in alto 

Per la dodicesima edizione de “La Rosa d’Oro“, il celebre riconoscimento ideato nel 1984 da Jorge Luis Borges e organizzato dalla libreria Novecento, l’ambito riconoscimento passerà dalle mani di Roberto Calasso a quelle di Madison Cox, paesaggista americano, viaggiatore del mondo e visionario.

La Rosa d'Oro
Madison Cox

Considerato “colui che eguaglia il giardino al paradiso“, questa la motivazione, il 17 maggio alle 11 a Villa Malfitano, insieme a Maria Kodama, moglie di Borges, sarà a Palermo per ricevere il riconoscimento.

Cox, creatore di prestigiosi giardini negli Stati Uniti, in Europa e nel Nord Africa, è responsabile dei Giardini Majorelle di Marrakech, direttore dei Musei Saint Laurent di Parigi e di Marrakech, presidente della Fondazione Pierre Bergé – Yves Saint Laurent (PBYSL) dalla morte di Pierre Bergé nel settembre 2017. È stato uno dei disegnatori dei Jardins du Nouveau Monde, nel 1986, al Castello di Blérancourt, prima di  creare un giardino sperimentale per il Chelsea Flower Show di Londra.

Sono nomi celebri quelli di coloro che nelle varie edizioni hanno ricevuto “La Rosa d’oro”, personalità che si sono distinte nel panorama mondiale per il loro genio creativo, quali ad esempio Henry Cartier Bresson, Peter Stein,  Ieoh Ming PeiDavid Hockney, che “hanno contribuito con opere letterarie, musicali o figurative, al patrimonio di creatività, conoscenza e bellezza dell’umanità“.

Il nome di Madison Cox è stato scelto perchè “una candidatura condivisa unanimemente da coloro che lo hanno preceduto“. 

Nell’ambito de La Rosa d’oro, anche quest’anno sono previsti diversi appuntamenti culturali: sabato 18 maggio, alle ore 11, all’Orto Botanico è in programma un incontro con Cox, Piero Zanetov, Giuseppe Barbera e gli studenti; seguirà una visita guidata all’Orto e l’esposizione di dieci pannelli fotografici di giardini del paesaggista americano.

Dal 30 maggio al 10 giugno, infine, alla Galleria Novecento (via Siracusa 16) si potrà visitare La Rosa d'Orola mostra intitolata “David Hockney Performance Theater”, manifesti originali di Hockney per i teatri Lirici.

Non posso che esprimere apprezzamento per la scelta di Madison Cox. Il suo amore per la cultura, le culture e per l’arte, unito alla sua maestria nel realizzare giardini trovano naturale collocazione a Palermo, definita da Manifesta, la biennale migrante tenutasi nella nostra città nel 2018, giardino planetario di pacifica coesistenza”. Ha dichiarato così il sindaco Leoluca Orlando che, in occasione del riconoscimento, conferirà la cittadinanza onoraria a Maria Kodama e offrirà a Cox la possibilità di intervenire su uno spazio verde da individuare in città.

Guarda la fotogallery sotto

Madison Cox

 

 

 

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.