La sbandata della nuova generazione ha radici lontane, ma non demonizziamo i ragazzi | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Una tragedia e le notti brave a suon di musica trap

La sbandata della nuova generazione ha radici lontane, ma non demonizziamo i ragazzi

di
11 Dicembre 2018

Noi siamo sopravvissuti alla nostra adolescenza. Lo penso con la serenità di chi sta raggiungendo i suoi quaranta anni e si ostina a non considerarsi ancora matura. Siamo rimasti vivi nonostante la musica degli anni ’90 che nel migliore dei casi vedeva gruppetti di donne e uomini dimenarsi con ritmi sempre uguali, come ad esempio le discoteche di “Non è la Rai” in cui coetanee “semi gnude” ballavano davanti ad una telecamera, tutte uguali. Con le loro minigonne a righe e le francesine strette alle ginocchia. Belle erano belle, nonostante la scuola fosse solo un lontano miraggio.

Eppure, io che il latino ero costretta a studiarlo, provavo una sana invidia. Chissà cosa provavano a sguazzare ogni giorno in piscina e a giocare al gioco della seduzione.

E le sere estive di nascosto, noi andavamo in luoghi che somigliavano alle discoteche, per ballare un po’ o forse per sentirci uguali agli altri. Ringrazio mia madre per la severità dei suoi orari. Che a pensarci con gli occhi dell’oggi rischiavamo la pelle, ma come fai a spiegarlo quando l’adolescenza scorre a fiumi e non ti lascia dormire per anni? Non puoi, puoi solo sperare che passi al più presto.

Siamo sopravvissuti nonostante tutto lo schifo del riflusso che ci ha impedito la comprensione del passato e del futuro. E nel migliore dei casi abbiamo fatto politica, cercando d’essere diversi. Abbiamo fallito anche noi e come noi le generazioni che ci hanno preceduto. Forse un po’ meno, ma il risultato non cambia. Nel tentativo di giustificare noi stessi abbiamo sentito il bisogno di demonizzare gli altri, questo tempo che ci sfugge, questi giovani coi pantaloni strani, i capelli tagliati male, la musica a cazzo nelle orecchie, i social dell’immagine, i like, il pressappochismo.

Ecco perché non mi sento di demonizzare nessuno. Siamo stati noi a partorirli e lo abbiamo fatto dalla pancia dei nostri errori. Tutti siamo stati alieni che si aggiravano per casa in attesa di essere compresi da mamma e papà.

La sbandata epocale della nuova generazione ha radici lontane, come la nostra incomprensione va rintracciata nella fase più complicata della nostra crescita precaria.

Noi non siamo morti, in un tempo non lontano da questo gli spray al peperoncino non esistevano, ma i cretini ci sono sempre stati, nella vita, nella poesia come nella musica. E le tragedie si sa impongono sempre una riflessione che fa male.

E non mi ergerò dal pulpito del mio perbenismo per dire che noi eravamo migliori. Noi siamo stati figli del nostro tempo, ho visto amici morire di eroina, altri fottersi il cervello con robe chimiche e non tornare più a vivere nel mondo della routine. Non siamo stati migliori. Siamo stati semplicemente noi.

Ed ora alla scuola spetta un compito arduo, ma da sola non può farcela. Agli adulti, alla politica quella saggezza dell’ascolto che sa rendersi umile e percorrere le strade della totale comprensione. Alle famiglie la calma dell’attesa, perché l’adolescenza passa solo se la faremo passare.

E un giorno anche i nostri figli si sentiranno fortunati per essere sopravvissuti all’inquietudine, un giorno anche noi adulti-giovani ci sentiremo fortunati per avercela fatta, nonostante tutto e nonostante tutti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.