La Scala dei Turchi: la bianca scogliera, patrimonio della nostra Sicilia | VIDEO :ilSicilia.it
Agrigento

Tra leggenda e suggestioni

La Scala dei Turchi, la bianca scogliera, patrimonio della nostra Sicilia | VIDEO

di
9 Giugno 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Per “E state in Sicilia” approdiamo in uno dei luoghi più ricchi di malìa della Sicilia, La Scala dei Turchi che, conosciuta in tutto il mondo, è una suggestiva scogliera di marna bianca, una cartolina eternata da tantissime foto che ne hanno mostrato la straordinaria bellezza. Tante le suggestioni, accompagnate da una leggenda che vogliamo raccontarvi. Patrimonio naturalistico incastonato tra il Lido Rossello, frazione marina di Realmonte, “Muntiriali” in siciliano, e Punta Grande, spiaggia dorata di quella immaginaria Vigata di Camilleri, che altri non è che la cittadina di Porto Empedocle, appartiene a quel territorio che ha come faro l’antica Akragas per i Greci, Agrigentum per i Romani, Kerkent per gli ArabiGirgenti per i Normanni, fino a diventare nel 1929 Agrigento, con la curiosità che i suoi abitanti vengono chiamati, ancora oggi, “girgentani.

La Scala dei Turchi

Abbagliante scogliera di marna bianca a cui il vento, erodendola, ha dato l’aspetto di un’immacolata scalinata, per il suo nome evoca corsari saraceni che, dopo aver ormeggiato le navi nelle sue calette, immaginiamo  inerpicarsi per i suoi candidi gradoni fino a raggiungerne la cima, razziare le campagne circostanti e, poi, ridiscendere con ricchi bottini.

Su questo luogo di una bellezza abbagliante che, visto una volta, vi si scolpirà nella mente e come una sirena, incantatrice, a cui non saprete resistere, vi irchiamerà a sé, aleggia la leggenda dello sfortunato amore di Rosa, figlia diciottenne di un ricco signore di Muntiriali e Peppe, giovane di umili origini. La loro storia, osteggiata dal padre della ragazza che, per punirla, decise di recluderla in un monastero palermitano, ebbe un triste epilogo: i due innamorati, al pensiero di doversi dividere, presero, infatti, la tragica decisione di togliersi la vita, che tale non sarebbe stata se vissuta da separati. E, in una notte buia, rischiarata solo dal candore della scogliera, Rosa e Peppe si lanciarono, tenendosi per mano, tra quei flutti che li avrebbero uniti per sempre.

Si narra che, alcuni anni dopo, proprio nel punto esatto dove i due giovani posero fine ai loro giorni, emersero due scogli legati da una sottile lingua di roccia e che, nelle notti di luna piena, quando il mare è in bonaccia, c’è chi afferma di aver udito la sublime e melodiosa voce di Rosa che canta una triste e malinconica nenia sul suo sfortunato amore per Peppe. Ecco spiegato il perché lo scoglio della “Rocca Gucciarda” è chiamato “U’ Scogliu di u Zitu e a Zita”.

Se salirete fino in cima, raggiungibile facilmente, potreste avere il miraggio di stare seduti su una gigantesca torta nuziale, forse quella in onore degli sfortunati fidanzati che in vita ebbero negate le tanto sospirate nozze.

Per trasportavi immediatamente in questo eden agrigentino, vi riproponiamo una ripresa aerea che mostra la magia e l’emozione nel trovarsi di fronte a questo miracolo della natura, catturate dal filmato prodotto da Chiarostudio  che, come si legge nella sua pagina Facebook, “si è occupato della realizzazione di un video promozionale della Scala dei Turchi che sarà il primo di una serie di video brevi realizzati in 4k che hanno come obiettivo quello di far conoscere le bellezze della Sicilia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.