La scrittrice Daniela Di Benedetto: "Ho scoperto di essere un'Asperger a 60 anni" | VIDEO :ilSicilia.it

L'autrice siciliana si racconta

La scrittrice Daniela Di Benedetto: “Ho scoperto di essere un’Asperger a 60 anni” | VIDEO

di
26 Marzo 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Ho scoperto a 60 anni quello che sono, un AspergerÈ così che Daniela Di Benedetto si racconta. Ma scopriamo chi è.

Figlia di padre ennese e di madre monrealese, Daniela Di Benedetto, classe ’57, è una scrittrice siciliananata per sbaglio a Bologna“, che ha pubblicato 24 romanzi, di cui tre tradotti e distribuiti all’estero, e non solo.

Infatti, oltre essere stata un insegnante ed essersi dedicata alla scrittura, la Di Benedetto è anche un’abile pianista e compositrice che, inoltre, ha da poco realizzato un cortometraggio.

La scoperta

Da piccola mio padre mi diceva “ti abituerai ai rumori a poco a poco”, ma io invece peggioravo e li sentivo in modo sempre più esasperato – racconta la scrittrice –,  fino a quando ho cercato su internet se era curabile l’iperacusia e su Google, tutte le associazioni di parole mi davano “asperger” . Così ho scoperto cosa sono“.

Ma prima di arrivare a questa diagnosi la Di Benedetto sottolinea sorridendo che: “Quasi 40 anni fa, mi hanno prescritto antidepressivi dannosi e pure il Roipnol, la droga dello stupro, che, ai tempi veniva usato per l’insonnia. Inoltre, un noto psichiatra mi consigliò il sesso per far passare l’iperacusia, i litigi con mia madre e i litigi con gli alunni”.

Cos’è la sindrome di Asperger

“L’asperger è una forma più evoluta dell’autismo perché noi, affetti da questa sindrome, riusciamo a comunicare. Questa sindrome ha tre caratteristiche fondamentali da cui è possibile riconoscerla: un’ipersensibilità agli stimoli esterni e scarsa capacità di adattamento al mondo esterno.

Sì può manifestare con una esasperazione dell’udito, del tatto, sensibilità alla luce, sensibilità al calore e cose del genere. Abbiamo i cosiddetti interessi assorbenti cioè memorizziamo tutto su alcune materie, due o tre, e tutte le altre per noi non esistono, quindi abbiamo difficoltà a memorizzarle.

Poi abbiamo molto spesso una intolleranza degli imprevisti e dei cambiamenti.

Molte persone vengono giudicate tipi strani perché sono degli asperger non diagnosticati, ma la diagnosi è molto difficile. La difficoltà sta nel fatto che ci sono un centinaio di disturbi, ma da asperger ad asperger sono diversi e quindi non siamo tutti uguali“, spiega l’autrice.

La creatività

Daniela Di Benedetto

“Tutti noi, tranne forse un 20% di persone, hanno una creatività potenziale solo che spesso non la coltivano.

L’asperger è una persona che la coltiva perché si crea un mondo alternativo. Visto che noi abbiamo una scarsa capacità di adattarci al mondo esterno, cerchiamo di vivere nel nostro mondo. Quindi, ci creiamo un mondo a parte e di conseguenza, se uno di noi è portato per la musica o per la letteratura o altre arti o attività, si fissa su quell’interesse speciale, molto di più di quanto si possa fissare un neurotipico che poi abbandona o mette quell’interesse in secondo piano. 

Noi asperger, invece, siamo più inclini a coltivarla questa creatività naturale. Io, infatti, sin da piccola mi rifugiavo nel mio mondo scrivendo racconti o suonando”, evidenzia la Di Benedetto.

Il passaggio dalla scrittura al cinema

Ernesto Maria Ponte e Clelia Cucco

“Il mio primo amore era il cinema e, per arrivare a scrivere sceneggiature, sono passata attraverso i libri. Molti, infatti, mi dicono che i miei libri, quando vengono letti, danno l’impressione di vedere un film”.

E così è nato “L’ora della fuga” di cui Daniela di Benedetto ha scritto musica, soggetto e sceneggiatura. Una commedia indipendente realizzata con Alberto Russo, che firma montaggio e arrangiamento musicale, e gli attori siciliani Clelia Cucco ed Ernesto Maria Ponte.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin