La Sea Watch sbarca a Messina, Musumeci: "Una decisione grave" :ilSicilia.it
Messina

ATTRACCO SUL MOLO NORIMBERGA

La Sea Watch sbarca a Messina, Musumeci: “Decisione grave”

di
27 Febbraio 2020

La nave Sea Watch 3 è arrivata nel porto di Messina. Sull’imbarcazione, attraccata sul molo Norimberga, sono presenti 194 migranti.

Già presente sul posto il personale delle forze dell’ordine, dell’Asp e del Comune. Intanto, sono in attuazione tutte le procedure di contenimento.

IN CORSO I CONTROLLI

Saranno effettuati accertamenti sull’imbarcazione per verificare l’eventuale presenza di persone con la febbre. 

In caso affermativo, i soggetti saranno isolati e messi in quarantena nella caserma Gasparro di Biscontea per 14 giorni.

Il presidente della Regione Nello Musumeci, in una lettera al premier Conte, si era detto contrario allo sbarco affermando che nella caserma Gasparro Bisconte di Messina “sono emerse rilevanti criticità sotto il profilo igienico-sanitario, in merito all’accoglienza di nuovi migranti”.

Dello stesso parere il presidente nazionale di Consumatori Associati Ernesto Fiorillo, che aveva “invitato le Autorità ad evitare che ulteriori quote di migranti sbarchino a Messina poiché non è in grado di affrontare l’ accoglienza in un periodo di conclamato contagio per il Coronavirus”.

MUSUMECI: “GRAVE LO SBARCO DI SEA WATCH A MESSINA”

Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, commenta acremente lo sbarco della nave Sea watch nel porto di Messina.

Il governo di Roma ha respinto la nostra proposta, autorizzando a Messina lo sbarco dei migranti e la loro sottoposizione a isolamento in un hotspot che le autorità sanitarie hanno dichiarato inadeguato allo scopo“.

Ma il governatore non si ferma qui e continua: “È una decisione grave che non rispetta la dignità dei migranti e le preoccupazioni dei siciliani. Sarebbe stato più umano indirizzare la nave in un porto attrezzato e in un territorio lontano dall’emergenza sanitaria. Ne prendiamo atto“.

“L’hotspot di Messina è inadeguato – ha proseguito Musumeci – ma perché il governo nazionale non lo sistema? E a volte il buonismo è una mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini e dei migranti stessi; è solo la maschera più nera delle ipocrisie anche in certe politiche locali”.

“Siamo stati chiari fin dal primo momento, in una condizione di seria e diffusa preoccupazione ritenevamo giusto e doveroso che i circa 200 migranti colpiti in fronte dal destino restassero a bordo della nave per la quarantena: e se la nave non era in condizioni di poter mantenere queste persone per 14 giorni bisognava utilizzare l’hotspot di Messina razionale ed efficiente ma siccome non lo è il governo nazionale avrebbe dovuto indicare un altro porto”. “Che ci vuole a sistemare hotspot di Messina? Servirebbero 2-3 milioni di euro perché il governo nazionale non lo fa? A volte il buonismo e la maschera per nascondere la più nera delle ipocrisia anche in certi politici locali”.

LEGGI ANCHE:

“Sea watch”, migranti posti in quarantena nell’hotspot, l’equipaggio sulla nave

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per