La Sicilia al Lido di Venezia: Maresco in concorso, i giovani registi alle Giornate degli Autori :ilSicilia.it

al via la 76esima Mostra del Cinema

La Sicilia al Lido di Venezia: Maresco in concorso, i giovani registi alle Giornate degli Autori

di
27 Agosto 2019

Manca poco all’inizio della 76esima Mostra del Cinema di Venezia che, dal 28 agosto al 7 settembre, vedrà al Lido la presenza di registi e attori a presentare le prossime uscite in sala.

L’Italia, nelle varie sezioni, è ben rappresentata e anche la Sicilia sarà presente in più di un ambito, a cominciare dai film in concorso.

Sarà Franco Maresco, con il suo docufilm “La mafia non è più quella di una volta” in programma venerdì 6 settembre, a concorrere con una lettura grottesca della Sicilia, scritta in un bianco e nero accecante come al solito, a venticinque anni dalle stragi di Falcone e Borsellino.

Franco Maresco
La mafia non è più quella di una volta

Nel suo unico e tagliente stile racconterà, su binari paralleli, la passione civile della fotografa ottantenne Letizia Battaglia, che con i suoi scatti ha raccontato tutti i delitti mafiosi, e la controversa figura di Ciccio Mira, impresario di piazza già protagonista di “Belluscone” che torna sulla scena, in quel limbo che mal distingue realtà dalla finzione, ad occuparsi del concerto dei “Neomelodici per Falcone e Borsellino“.

All’interno, invece, delle Giornate degli Autori si svolgerà, giovedì 5 settembre dalle ore 21,30, l’incontro “Sicilia Doc Night”, che segna l’inizio di una collaborazione tra il corso triennale di Regia del Documentario della Scuola Nazionale di Cinema, diretto a Palermo da Costanza Quatriglio, la Sicilia Film Commission e la sezione veneziana sopracitata.

Si alterneranno proiezioni e testimonianze di allievi, ex allievi, registi e professionisti del cinema che lavorano ogni giorno affinché la Scuola sia un luogo di sperimentazione di linguaggi e approcci differenti, di sguardi plurali sul mondo e sulla contemporaneità.

Saranno presentati, inoltre, i trailer dei film di diploma degli allievi Silvia Miola, Andrea Vallero e Camilla Iannetti e le esercitazioni di secondo e primo anno di corso, degli allievi Filippo Foscarini e Beatrice Perego; non ultima la Ginko Film, società di produzione fondata dagli ex allievi del CSC di Palermo Chiara Andrich, Andrea Mura e Giovanni Pellegrini.

All’incontro saranno presenti, tra gli altri, l’Assessore al Turismo Sport e Spettacolo della Regione Siciliana Manlio Messina, il Dirigente Generale del Dipartimento Turismo Sport e Spettacolo della Regione Siciliana Lucia Di Fatta, il Direttore della Sicilia Film Commission Alessandro Rais, il Direttore della Sede Sicilia del CSC Ivan Scinardo e alcuni dei docenti.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.