La Sicilia che non riesce a spendere i fondi europei, 700 milioni a rischio :ilSicilia.it

Manca il personale per la rendicontazione

La Sicilia che non riesce a spendere i fondi europei, 700 milioni a rischio

di
19 Ottobre 2018

Passano gli anni, i governi, i dirigenti e i funzionari, ma la Regione Siciliana continua a non spendere completamente l’enorme quantità di risorse messe a disposizione dall’Unione europea per promuovere la crescita e lo sviluppo delle regioni più arretrate dei Paesi membri. Una sorta di maledizione della quale non riesce proprio a liberarsi. Al netto degli annunci roboanti dispensati da tutti i governatori che si sono succeduti nel corso di questi ultimi due decenni, centinaia di milioni di euro sono tornati indietro a Bruxelles. Un vero e proprio sacrilegio che rischia di consumarsi per l’ennesima volta. Entro il 31 dicembre, infatti, devono essere rendicontati 700 milioni, ma gli uffici sono in forte ritardo, motivo per cui buona parte di questi potrebbero essere perduti definitivamente.

Tra le motivazioni principali del ritardo, fornite dall’esecutivo regionale, la mancanza di personale qualificato. Nonostante l’elevato numero di dipendenti sono poche decine quelli in possesso delle competenze professionali adeguate. Non a caso l’assessore al personale, Bernadette Grasso, sin dal suo insediamento ha lanciato l’allarme sulla necessità di reperire forze nuove. Per questo già prima dell’estate è stato avviato un percorso di confronto con i sindacati sulla mobilità, che però proprio ieri ha subito uno stop a causa del mancato rinnovo del contratto collettivo. Mentre la scorsa settimana sempre l’assessore Grasso aveva fatto sapere che la Regione sta studiando un bando per la selezione di giovani neolaureati ai quali far fare dei tirocini retribuiti. Altri esperti, invece, sono stati chiesti al Formez e alle società partecipate.

Nel frattempo per tentare di dare un’accelerata alla rendicontazione il governo sta pensando di sfruttare questo breve tempo a disposizione, concentrando tutto sulle grandi opere in corso di costruzione. Si tratta della Tratta B del Passante ferroviario di Palermo, che collega la città all’aeroporto, e del secondo Tratto della strada Agrigento-Caltanissetta.

Cefalù-Castelbuono - IL TRACCIATO
Cefalù-Castelbuono – IL TRACCIATO © D. G.

A questi potrebbero aggiungersi la Tratta A del Passante di Palermo, la linea ferroviaria Ogliastrillo-Castelbuono e la Circumetnea. Così facendo si potrebbe arrivare a quota 400 milioni. Un bel balzo in avanti se si considera il punto di partenza, ma ne rimangono ancora 300 per i quali è necessario trovare una soluzione in tempi rapidissimi. Un tesoretto che una regione come la Sicilia, con percentuali altissime di poveri e disoccupati, non può certo permettersi di buttare via.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin