16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.48
Palermo

Fino al 10 febbraio 2019

La Sicilia di Antonello da Messina nell’eccezionale mostra di Palazzo Abatellis | Video servizio

13 Dicembre 2018

Guarda il video servizio in alto

Contano i numeri per rendere l’importanza della mostra che chiude un anno altrettanto significativo che ha visto Palermo in veste di Capitale Italiana della Cultura: “Antonello da Messina – Il ritorno in Sicilia” è infatti il titolo dell’esposizione allestita alla Galleria Regionale di Palazzo Abatellis.

Più di cinque secoli sono trascorsi dalla realizzazione delle opere, quasi tutte quelle arrivate ai nostri giorni, del pittore che ha portato, con la potenza della sua mano, il nome dell’Isola oltre i confini del Mediterraneo.

Antonello da Messina Abatellis

Curata dal professore Giovanni Carlo Federico Villa, già curatore della celebre mostra evento del 2006 alle Scuderie del Quirinale, l’esposizione, con 21 testimonianze, offre un percorso inedito di opere giunte ai giorni nostri fortunosamente e misteriosamente talune, sopravvissute a terremoti, smembramenti, fallimenti di famiglie, naufragi, alluvioni, pareti umide, incuria degli uomini, ignoranza, avidità, insulse paure.

Ma se è vero, come è vero, che l’arte ha nel suo abisso la potenza dell’insondato ecco che, celebrare oggi questo evento raro, è doveroso quanto fruttuoso per l’esperienza collettiva. Questo omaggio, del resto, in un anno così peculiare, non poteva che realizzarsi in Sicilia, a Palermo.

Definito dal Vasari come “colui che aveva ricevuto il segreto della pittura a olio” ritornano ad essere fruibili quelle tavole, alcune delle quali, realizzate nella bottega messinese.

Dal primo catalogo ufficiale dedicato al pittore, alle ricostruzioni dopo le peripezie legate anche alla città di Messina (1783), molto si è potuto riconoscere, ripulire, attribuire: il catalogo da fantastico si è fatto scientifico, le ricerche si sono susseguite, le attribuzioni si sono rese certe.

Antonello da Messina Abatellis

Fra i ritrovamenti saranno esposti una “Crocifissione” che Voll nel 1902 suggerisce di Antonello, parte della collezione del barone Samuel von Brukenthal a Hermannstadt; e poi ancora la scoperta fatta all’importantissimo convegno messinese del 1981 da Federico Zeri di un’opera giovanile, una tavoletta devozionale di 15 centimetri per 10, consumata dai baci del fedele che se la portava al seguito in un astuccio di cuoio. E poi l’”Ecce Homo con San Gerolamo” nel deserto al recto.

Tra le opere in mostra, dagli Uffizi è arrivato l’importantissimo trittico con la “Madonna con Bambino“, il “San Giovanni Battista”  acquistati dall’allora Ministro dei Beni Culturali Antonio Paolucci nel 1996 e il “San Benedetto” di straordinaria qualità pittorica che la Regione Lombardia, oggi in deposito nel museo fiorentino.

Antonello da Messina Abatellis

Dalla Pinacoteca Malaspina di Pavia è in prestito il ritratto di giovane gentiluomo, a lungo considerato il suo vero volto, trafugato dal museo nella notte fra il 10 e l’11 maggio 1970 e recuperato sette anni dopo dal nucleo di Tutela Patrimonio Culturale dell’Arma dei Carabinieri.

Il catalogo oggi ricomposto a Palazzo Abatellis, in un allestimento sviluppato cronologicamente seguendo l’evoluzione e le novità dell’artista, aperto dall’”Annunciata” nell’allestimento per lei immaginato da un maestro del Novecento, Carlo Scarpa, offre al visitatore una piena fruizione dell’esposizione, coadiuvato da una didattica concepita a svelare, opera per opera, l’arte di Antonello collocandola nel contesto culturale e sociale del Mediterraneo, evidenziando la centralità della Sicilia.

La mostra, fruibile fino al 10 febbraio 2019, è organizzata dalla Regione Siciliana – Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Dipartimento dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana, e da MondoMostre, la Città di Palermo; in collaborazione fra la Regione Siciliana e il Comune di Milano dove l’esposizione verrà presentata dopo la chiusura della tappa palermitana.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.