La Sicilia è sommersa dai rifiuti, Musumeci chiede collaborazione al nuovo governo nazionale :ilSicilia.it

Le vertenze siciliane

La Sicilia è sommersa dai rifiuti, Musumeci chiede collaborazione al nuovo governo

di
7 Giugno 2018

L’emergenza rifiuti in Sicilia durerà ancora un anno, fino a quando non saranno realizzate le nuove discariche e nuovi impianti. Dobbiamo correre contro il tempo”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci“Non possiamo affrontare una gestione ordinaria. Molto è determinato dal basso tasso di raccolta differenziata, gli impianti sono pochi e non riescono a smaltire i rifiuti indifferenziati. Purtroppo dal ministero dell’Ambiente non abbiamo avuto grande disponibilità. Il commissariamento dato due mesi fa non ci dà grandi poteri speciali.

“Ma di fronte alla legge sono pronto a promuovere qualunque tipo d’iniziative. Nel ministero dell’Ambiente non abbiamo trovato grande disponibilità. La funzione commissariale concessa 60 giorni fa è assai carente, perchè di speciale non c’è niente di speciale in questo commissariamento. Ma lo stiamo utilizzando almeno per Bellolampo. Ma per il resto dell’Isola non c’e’ più la discarica di Siculiana, ne’ quella Oikos di Catania ne’ quella di Mazzarra’ Sant’Andrea. Tutte e tre ospitavano quasi l’80% dei rifiuti in Sicilia. E’ difficile gestire i rifiuti senza tre discariche, ma noi cercheremo di farlo”.

pesca del tonnoSull’incontro di domenica scorsa col neo ministro dell’Interno Matteo Salvini, Musumeci spiega: “Nel pranzo con Salvini abbiamo parlato della crisi del tonno rosso. La quota che è stata assegnata alla marineria siciliana è ridicola. Poi a Salvini ho rappresentato l’esigenza di incontrarmi con il premier e con diversi ministri perché c’è molto lavoro da fare”. 

“I governi si giudicano alla scadenza e non alla partenza. Niente veti e niente voti. Tante sono le vertenze siciliane che porteremo a Roma. Non andremo a Roma con il piattino in mano. È Roma che deve restituirci quello che ci ha tolto”.

“Dal ministro per il Sud – ha concluso Musumeci – ci aspettiamo sostegno e collaborazione. In sei mesi abbiamo messo in circolazione 700 milioni di fondi europei ma entro dicembre dovranno essere certificati. Non ci stiamo risparmiando, lavoriamo notte e giorno. C’era una burocrazia abituata ad altri ritmi molto più lenti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti