La Sicilia la regione più povera in assoluto. Diminuisce anche la ''speranza di vita'' | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Nell'Isola un terzo dei giovani tra 15-24 anni (il 31,9%) non studia né lavora.

La Sicilia la regione più povera in assoluto. Diminuisce anche la ”speranza di vita”

di
2 Febbraio 2018

La Sicilia è, in Europa, la regione con il più alto tasso di persone a rischio povertà: il 41,8%.

Nell’Isola un terzo dei giovani tra 15-24 anni (il 31,9%) non studia né lavora (Neet).

Inoltre, una bimba nata in Sicilia, nel 2016, ha una speranza di vita di due-tre anni in meno rispetto una bambina nata altrove, anche, rispetto al nord Italia: 83,8 anni a Palermo, 86,3 a Trento.

Sono i dati di una ricerca sull’attuazione in Sicilia del Sia, Sostegno all’inclusione attiva, la misura contro la povertà adottata nel 2016 e che, da quest’anno, ha ceduto il passo al Rei, Reddito d’inclusione. Quest’ultimo è figlio del confronto tra Governo nazionale e Alleanza contro la povertà, la rete che nel paese collega 37 tra associazioni, sindacati, enti e movimenti del terzo settore.

Ne è scaturito un memorandum firmato congiuntamente, la prima volta di un documento Governo-associazioni per le politiche socioassistenziali, che il 14 aprile di un anno fa ha gettato le basi del decreto delegato che dal primo gennaio ha reso operativo il Rei.

La ricerca è stata illustrata da Liliana Leone, direttrice del Cevas, il centro di studi sulle politiche pubbliche con sede a Roma, che in Sicilia ha coinvolto 47 distretti sociosanitari su 55 scegliendo Palermo come il luogo di uno degli otto studi di casi svolti in Italia.

L’indagine rileva che “l’incidenza della povertà relativa in Sicilia nel 2015 è quasi cinque volte più elevata che nel nord Italia“, tradotto numericamente si parla del 25,3% contro il 5,4%.

Ciononostante, informa il report, in Sicilia, che ha una popolazione pari al 29% del totale nazionale, operano il 21% degli assistenti sociali attivi nel Paese. E a Palermo il tasso di occupazione tra 15 e 64 anni, nel 2015, è “tra i più bassi d’Italia“. Inoltre, mostra anche un pesante gap di genere: si attesta, infatti, al 50% per gli uomini ma si ferma al 26,5% per le donne.

Nel capoluogo siciliano, si legge ancora nel report, “gli stranieri nel 2015 rappresentano il 3,9% della popolazione residente e l’incidenza più elevata tra le otto circoscrizioni si registra nella prima, ossia quella che comprende i quartieri Tribunali-Castellammare, palazzo Reale, monte di Pietà, con oltre un cittadino su cinque“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin