La Sicilia perde pezzi, in vendita Isola delle Femmine, Capo Passero e Santa Maria :ilSicilia.it

gioielli naturalistici in via di dismissione

La Sicilia perde pezzi, in vendita Isola delle Femmine, Capo Passero e Santa Maria

8 Aprile 2019

Il costo è di alcuni milioni di euro ma avendone i mezzi ci si può aggiudicare un’isola italiana, e fra queste ci sono veri e propri gioielli naturalistici e storici.

Solo in Sicilia, per fare un esempio, c’è la celeberrima Isola delle Femmine, dove da circa 20 anni è stata istituita una riserva dalla Regione Siciliana, affidata alla LIPU per tutelare il patrimonio floristico locale e favorire la sosta delle specie migratorie.

Poi ancora l’Isola di Capo Passero in provincia di Siracusa e l’Isola di Santa Maria di fronte Marsala. “Su alcuni siti di agenzie immobiliari internazionali e nazionali ci sono annunci per la vendita di prestigiose isole, gioielli ambientali. Alcune hanno una finalità esplicita come quella di realizzare trasformazioni urbanistiche, con realizzazione di resort, e in altri casi i progetti che sono dietro le proposte di acquisto sono avvolti dal riserbo più assoluto”, ha denunciato il coordinatore nazionale dei Verdi Angelo Bonelli che ha inviato ai ministeri dell’Ambiente e dei Beni Culturali un esposto con il quale si chiede l’immediato intervento per la loro tutela.

Al momento l’esposto non risulta essere arrivato, almeno ad uno dei due ministeri coinvolti, cioè quello dell’Ambiente, che però fa sapere di essere pronto a verificare quanto verrà indicato nel documento.

Le proposte di vendita compaiono ad esempio su – www.privateislandsonline.com http://www.vladi-private-islands.de – e fra queste c’è il caso di isola delle Femmine a Palermo in vendita per 3 milioni di euro o dell’Isola di Capo Passero in provincia di Siracusa dove partirà un progetto per la realizzazione di un resort. L’isola di Capo Passero era stata proposta per essere una riserva naturale integrata ma il suo decreto istitutivo fu annullato dopo ricorso della proprietà. E’ in vendita per 4 milioni di euro l’Isola di Cerboli all’interno del parco nazionale dell’arcipelago toscano, l’Isola di Santa Maria di fronte Marsala nella Provincia di Trapani in vendita per 17 milioni di euro. Venduto l’isolotto di Santo Stefano, ricco di storia patriottica che ospitò le prigioni di Sandro Pertini.

“Poi c’è lo Stato che vende i suoi gioielli – continua l’esponente dei Verdi – come nel caso dell’Isola di Poveglia, suggestiva e preziosa dal punto di vista ambientale, della laguna di Venezia che viene definita anche l’isola dei fantasmi. Ancora oggi l’agenzia del Demanio non risponde all’iniziativa messa in atto dall’associazione Povelia per tutti che ha raccolto in crowdfunding quasi 500 mila euro chiedendo in concessione l’isola per riqualificarla in modo ecocompatibile e creare orti urbani per scongiurare la vendita per usi speculativi. C’è invece l’isola di San Secondo già venduta dallo Stato sempre nella laguna di Venezia per farci un albergo di lusso”.

Ma l’Agenzia del Demanio ha reso noto di non avere isole in vendita ma solo un ricorso in pendenza al Tar da parte proprio dell’associazione Poveglia per tutti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.