La Sicilia riscopre il trekking: via il ripristino dei sentieri nel Parco delle Madonie :ilSicilia.it
Palermo

Global Geopark Unesco

La Sicilia riscopre il trekking: via il ripristino dei sentieri nel Parco delle Madonie

di
2 Gennaio 2019

Al via il ripristino della rete sentieristica nel Parco delle Madonie con somme finanziate dall’Assessorato regionale Territorio e Ambiente. Dopo circa un ventennio, l’Ente Parco delle Madonie potrà ri-beneficiare da parte dell’Assessorato regionale del Territorio e dell’Ambiente della residua disponibilità di somme pari a circa 1.095.320 di euro che erano state inizialmente stanziate per i lavori di manutenzione e ripristino della rete, ma rimaste ancora inutilizzate da parte della Regione.

Il co-finanziamento dell’Ente Parco, ammonterà invece, a seguito delle operazioni di assestamento bilancio, a circa 400 mila euro. Soddisfatto l’assessore regionale Toto Cordaro: “Tutti gli interventi che saranno realizzati – commenta – sono il risultato di un’azione sinergica e di concertazione tra gli attori principali individuati, che hanno condiviso l’idea di un’opera integrata di tutela e valorizzazione di questa parte di patrimonio ambientale della Sicilia. cordaroÈ davvero importante e inevitabile censire la rete Regionale dei Sentieri escursionistici anche attraverso il loro recupero e la realizzazione di infrastrutture indispensabili alla fruizione del patrimonio ambientale regionale di cui la Sicilia dispone. Sono certo che la loro valorizzazione, ampliando l’offerta dei servizi turistici, possa ridurre la destagionalizzazione in un territorio già ricco di musei tematici e aree di pregio classificati come Global Geopark Unesco, ma aperto anche a tematiche di rilevanza sociale, come quella della ‘libera accessibilità’, un processo questo che avviene attraverso il superamento di barriere culturali ed architettoniche”.

“I lavori di recupero e di valorizzazione della sentieristica – aggiunge l’assessore Cordaro – hanno in sé un chiaro interesse collettivo, integrandosi con il sistema economico e culturale dell’intero territorio e diventando parte integrante di un ampio programma di promozione delle diverse risorse naturali e culturali. Non bisogna dimenticare, sottolinea, che e’ attraverso i sentieri che scorre la storia indigena dei luoghi in tutti i suoi aspetti naturalistici ed economici, passaggi di correnti e di culture antiche, sui quali si è edificato e modellato l’ambiente”.

sentieriIl commissario dell’Ente Parco, Salvatore Caltagirone, con l’auspicio che, l’avvio dei lavori possa concretizzarsi al più presto, si dice “fermamente convinto dell’importanza della questione perché si potranno mettere a segno grandi progressi anche nel campo della governance economica. Quanto all’efficacia della nostra politica, conclude, vi saranno dei controlli di qualità e delle valutazioni d’impatto su ciò che è sicuramente una grande opera infrastrutturale che darà modo di realizzare una migliore mappatura dei sentieri esistenti, grazie alla collaborazione tra Regione Sicilia e Azienda Foreste Demaniali, e permettendo che si abbiano a disposizione dati utili alla percorribilità e fruizione degli stessi, in condizioni di garanzia e sicurezza ambientale, con apposita segnaletica”.
© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.