La Sicilia spende quasi 300 milioni di euro in mobilità passiva :ilSicilia.it

Secondo il report Gimbe

La Sicilia spende quasi 300 milioni di euro in mobilità passiva

4 Agosto 2019

Il report GIMBE è impietoso nei confronti della Sicilia: i debiti verso le altre regioni ammontano a € 298.326.171 mentre i crediti a € 60.918.019 con un saldo negativo di € 237.408.152.

Quanti soldi investiti per rimpinguare le tasche proprio delle regioni più ricche. Questo è il risultato del regionalismo operante in atto e non possiamo pensare che le cose possano migliorare per la nostra sanità passando ad un regionalismo ancora più spinto.

Distribuzione regionale del saldo attivo 2017 (dati GIMBE 2019)
Distribuzione regionale del saldo attivo 2017 (dati GIMBE 2019)

Il 98% della distribuzione del saldo attivo 2017 si concentra in quattro regioni, inclusa la Toscana, e l’88% proprio nelle regioni che vogliono maggiore autonomia con il regionalismo differenziato: Lombardia, Emilia Romagna e  Veneto.

Molti di noi si chiedono da tempo che fine farà il nostro Sistema Sanitario Nazionale ma più impellente è la domanda sul destino del nostro Sistema Sanitario Regionale.

Certo è che non possiamo consolarci nel sapere che siamo in compagnia di altre 5 regioni del sud che non stanno meglio di noi. Come cittadini e professionisti vorremmo però sapere in cosa consiste questa mobilità passiva cioè quali sono le aree coinvolte e a che tipologie di prestazioni si fa riferimento.

Mobilità regionale 2017: saldo pro-capite (il saldo è calcolato come differenza tra mobilità attiva e passiva) (dati GIMBE 2019)
Mobilità regionale 2017: saldo pro-capite (il saldo è calcolato come differenza tra mobilità attiva e passiva) (dati GIMBE 2019)

Questi dati complessivi tendono semmai a coprire ancora di più le inefficiente impedendo sia in termini di trasparenza che di programmazione le azioni necessarie per porre un freno a questa continua emorragia che si perpetua anno dopo anno.

E’ arrivato il momento di chiedere  al nostro Assessore di conoscere questi dati proprio per permettere ai cittadini non solo di avere un quadro reale della situazione ma soprattutto per poter capire meglio le azioni intraprese per porre un freno a questa triste situazione.

In attesa di conoscere forse il dettaglio di questo dati mi chiedo se non è il caso di destinare risorse aggiuntive ai centri di riferimento regionale dopo aver capito meglio se questi centri funzionano veramente offrendo prestazioni efficaci ed efficienti e producendo la necessaria attività scientifica pragmatica che permette di qualificarli come tali.

Certo è che spendere centinaia di milioni di euro per sostenere le attività sanitarie delle regioni che anche per questo stanno meglio di noi non sembra cosa buona e giusta ed è certo anche il fatto che senza una approfondita analisi e delle azioni coerenti “non ci resta che piangere”,  per ricordare il titolo di un film di Massimo Troisi e Roberto Benigni!

 

Per saperne di più vai sul sito www.sanitainsicilia.it

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 17:03