La Sicilia spende quasi 300 milioni di euro in mobilità passiva :ilSicilia.it

Secondo il report Gimbe

La Sicilia spende quasi 300 milioni di euro in mobilità passiva

di
4 Agosto 2019

Il report GIMBE è impietoso nei confronti della Sicilia: i debiti verso le altre regioni ammontano a € 298.326.171 mentre i crediti a € 60.918.019 con un saldo negativo di € 237.408.152.

Quanti soldi investiti per rimpinguare le tasche proprio delle regioni più ricche. Questo è il risultato del regionalismo operante in atto e non possiamo pensare che le cose possano migliorare per la nostra sanità passando ad un regionalismo ancora più spinto.

Distribuzione regionale del saldo attivo 2017 (dati GIMBE 2019)
Distribuzione regionale del saldo attivo 2017 (dati GIMBE 2019)

Il 98% della distribuzione del saldo attivo 2017 si concentra in quattro regioni, inclusa la Toscana, e l’88% proprio nelle regioni che vogliono maggiore autonomia con il regionalismo differenziato: Lombardia, Emilia Romagna e  Veneto.

Molti di noi si chiedono da tempo che fine farà il nostro Sistema Sanitario Nazionale ma più impellente è la domanda sul destino del nostro Sistema Sanitario Regionale.

Certo è che non possiamo consolarci nel sapere che siamo in compagnia di altre 5 regioni del sud che non stanno meglio di noi. Come cittadini e professionisti vorremmo però sapere in cosa consiste questa mobilità passiva cioè quali sono le aree coinvolte e a che tipologie di prestazioni si fa riferimento.

Mobilità regionale 2017: saldo pro-capite (il saldo è calcolato come differenza tra mobilità attiva e passiva) (dati GIMBE 2019)
Mobilità regionale 2017: saldo pro-capite (il saldo è calcolato come differenza tra mobilità attiva e passiva) (dati GIMBE 2019)

Questi dati complessivi tendono semmai a coprire ancora di più le inefficiente impedendo sia in termini di trasparenza che di programmazione le azioni necessarie per porre un freno a questa continua emorragia che si perpetua anno dopo anno.

E’ arrivato il momento di chiedere  al nostro Assessore di conoscere questi dati proprio per permettere ai cittadini non solo di avere un quadro reale della situazione ma soprattutto per poter capire meglio le azioni intraprese per porre un freno a questa triste situazione.

In attesa di conoscere forse il dettaglio di questo dati mi chiedo se non è il caso di destinare risorse aggiuntive ai centri di riferimento regionale dopo aver capito meglio se questi centri funzionano veramente offrendo prestazioni efficaci ed efficienti e producendo la necessaria attività scientifica pragmatica che permette di qualificarli come tali.

Certo è che spendere centinaia di milioni di euro per sostenere le attività sanitarie delle regioni che anche per questo stanno meglio di noi non sembra cosa buona e giusta ed è certo anche il fatto che senza una approfondita analisi e delle azioni coerenti “non ci resta che piangere”,  per ricordare il titolo di un film di Massimo Troisi e Roberto Benigni!

 

Per saperne di più vai sul sito www.sanitainsicilia.it

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.