"La stanza della memoria", aprirà al pubblico l'ex ufficio del giudice Livatino :ilSicilia.it
Agrigento

Verrà aperta al pubblico a breve

“La stanza della memoria”, aprirà al pubblico l’ex ufficio del giudice Livatino

di
20 Luglio 2017

Per dieci anni, dal 1979 al 1989, lavoro’ in silenzio in quella stanza al primo piano dello stabile di piazza Gallo, quando ancora era la sede del Palazzo di Giustizia di Agrigento.

Ora il suo ex ufficio, terzultima porta a destra del corridoio, diventa “la stanza della memoria“.

Per iniziativa del sindaco Lillo Firetto, in accordo con il presidente del Tribunale, Pietro Maria Falcone, in quel locale, che si trova in una sede del Comune, e’ stata ricostruita la stanza della memoria partendo da quello che era l’ufficio disadorno del sostituto procuratore Rosario Livatino, assassinato dalla mafia il 21 settembre del 1990 mentre a bordo della sua utilitaria si stava recando al lavoro proprio in questo palazzo.

Un esempio di uomo e di magistrato – ricorda il sindaco Firetto -. Sobrieta’. Profondo senso dell’istituzione rappresentata. Rosario Livatino e’ icona di speranza della nostra terra. La civilta’ buona e operosa. La sacralita’ delle regole. Contro la civilta’ contraria che uccide il futuro“.

A 27 anni di distanza da quel terribile delitto, con la collaborazione di alcuni magistrati che lavorarono in quegli anni in quello stesso palazzo a fianco del giudice Livatino, e’ stato possibile ricomporre l’ufficio con gli arredi dell’epoca a ricordo e testimonianza dell’opera del “giudice ragazzino” cosi’ come venne soprannominato quasi subito per via della giovane eta’.

Tutto e’ tornato al suo posto: l’armadio restaurato, la vecchia macchina da scrivere e la scrivania in legno sulla quale soleva poggiare, tra gli incartamenti, anche il Vangelo.

Oggi su quella scrivania trova posto copia dell’agenda personale del magistrato, quella resa famosa dall’acronimo-rompicapo S.T.B. (Sub Tutela Dei) che nelle indagini successive alla barbara uccisione, tenne impegnati gli investigatori per lungo tempo.

Un acronimo dal significato eloquente, “Sotto la protezione del Signore”, che racchiude tutto l’impegno profuso in vita da Rosario Livatino; impegno di cristiano che sta portando il magistrato, per il quale vi e’ in corso il processo di canonizzazione, verso la santita’.

La stanza, che sulle pareti reca frasi estrapolate da interventi dello stesso giudice Livatino, verra’ aperta ufficialmente al pubblico a breve. Il ministro di Grazia e Giustizia Andrea Orlando ha fin d’ora assicurato la sua presenza per il giorno dell’inaugurazione

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin