La storia di Angelo, il siciliano ammazzato come il pensionato di Manduria :ilSicilia.it

massacrato da una baby gang

La storia di Angelo, il siciliano ammazzato come il pensionato di Manduria

4 Maggio 2019

Angelo Partenza come Antonio Stano, il pensionato morto il 23 aprile a Manduria, vittima di una baby gang. A parlare di analogia è la sorella di Angelo Partenza, morto due anni fa a Modica (Rg).

Anche lui sarebbe stato preso di mira e picchiato in una piazzetta del paese da un gruppo di ragazzini. L’anziano, dopo le percosse dei suoi aggressori si recò al pronto soccorso denunciando i presunti autori del pestaggio, due ragazzi di 15 e 16 anni.

Le numerose complicazioni condussero l’uomo alla morte, come accertato dall’esame autoptico, nella notte, tra il 1 e il 2 febbraio del 2017.

La sorella della vittima, Giuseppina, si rivolse alla Procura di Ragusa. Il pm, Silvia Vassallo, ha chiesto il rinvio a giudizio dei due imputati, uno ha compiuto da poco 17 anni, l’altro è diventato nel frattempo maggiorenne, con l’accusa di omicidio preterintenzionale in concorso.

All’udienza preliminare i legali dei due imputati hanno chiesto il rito abbreviato e la Map, la cosiddetta messa alla prova con conseguente sospensione del procedimento.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.