10 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.28

massacrato da una baby gang

La storia di Angelo, il siciliano ammazzato come il pensionato di Manduria

4 Maggio 2019

Angelo Partenza come Antonio Stano, il pensionato morto il 23 aprile a Manduria, vittima di una baby gang. A parlare di analogia è la sorella di Angelo Partenza, morto due anni fa a Modica (Rg).

Anche lui sarebbe stato preso di mira e picchiato in una piazzetta del paese da un gruppo di ragazzini. L’anziano, dopo le percosse dei suoi aggressori si recò al pronto soccorso denunciando i presunti autori del pestaggio, due ragazzi di 15 e 16 anni.

Le numerose complicazioni condussero l’uomo alla morte, come accertato dall’esame autoptico, nella notte, tra il 1 e il 2 febbraio del 2017.

La sorella della vittima, Giuseppina, si rivolse alla Procura di Ragusa. Il pm, Silvia Vassallo, ha chiesto il rinvio a giudizio dei due imputati, uno ha compiuto da poco 17 anni, l’altro è diventato nel frattempo maggiorenne, con l’accusa di omicidio preterintenzionale in concorso.

All’udienza preliminare i legali dei due imputati hanno chiesto il rito abbreviato e la Map, la cosiddetta messa alla prova con conseguente sospensione del procedimento.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.