13 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.37

massacrato da una baby gang

La storia di Angelo, il siciliano ammazzato come il pensionato di Manduria

4 Maggio 2019

Angelo Partenza come Antonio Stano, il pensionato morto il 23 aprile a Manduria, vittima di una baby gang. A parlare di analogia è la sorella di Angelo Partenza, morto due anni fa a Modica (Rg).

Anche lui sarebbe stato preso di mira e picchiato in una piazzetta del paese da un gruppo di ragazzini. L’anziano, dopo le percosse dei suoi aggressori si recò al pronto soccorso denunciando i presunti autori del pestaggio, due ragazzi di 15 e 16 anni.

Le numerose complicazioni condussero l’uomo alla morte, come accertato dall’esame autoptico, nella notte, tra il 1 e il 2 febbraio del 2017.

La sorella della vittima, Giuseppina, si rivolse alla Procura di Ragusa. Il pm, Silvia Vassallo, ha chiesto il rinvio a giudizio dei due imputati, uno ha compiuto da poco 17 anni, l’altro è diventato nel frattempo maggiorenne, con l’accusa di omicidio preterintenzionale in concorso.

All’udienza preliminare i legali dei due imputati hanno chiesto il rito abbreviato e la Map, la cosiddetta messa alla prova con conseguente sospensione del procedimento.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.