La Targa Florio ritorna alle origini: a Palermo via al rally storico :ilSicilia.it
Palermo

IL RALLY GIUNGE ALLA 103ª EDIZIONE

La Targa Florio ritorna alle origini: a Palermo via al rally storico

7 Maggio 2019

Si scaldano i motori della 103ª edizione della Targa Florio – Rally Internazionale di Sicilia, organizzata dall’Automobile Club Palermo e patrocinata dall’ACI Sport.

La gara è valida per la terza tappa del campionato italiano di rally. Il via della gara sarà dato venerdì 10 maggio  alle ore 16.00 da piazza Giuseppe Verdi, di fronte alla meravigliosa cornice del teatro Massimo. Lo shakedown delle auto in gara è previsto nei pressi di Campofelice di Roccella su una distanza di circa 3 km.

La corsa automobilistica è un vero must, una gara storica punto di riferimento per gli appassionati e per i curiosi. Nelle edizioni precedenti si sono iscritti equipaggi provenienti da tutti e cinque continenti, con più di venti nazioni partecipanti. La storicità della gara e dei luoghi attraversati permettono alla Targa Florio di avere una nomea non solo nazionale ma anche europea in tema di gara storiche.

Il percorso dell’edizione di quest’anno rappresenta un tuffo nel passato, un back to basics ai luoghi culto delle vecchie edizioni della Targa Florio. La gara si snoderà all’interno di un percorso lungo complessivamente 558 km, di cui 151 km di prove speciali, e si snoderà nel favoloso scenario del Parco Nazionale delle Madonie. Il percorso attraverserà i paesi storici della gara, quali ad esempio Campofelice di Roccella, Castelbuono, Collesano e Termini Imerese.

L’arrivo, previsto nella serata di sabato, è fissato sul lungomare di Termini Imerese, dove si terrà la prova finale del circuito. Sempre a Termini Imerese è prevista la predisposizione del parco assistenza, all’interno del quale i team in gara potranno effettuare le dovute modifiche e riparazioni.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.