La tomba della nonna non c'è più, si indaga sui "defunti abusivi" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Nello stesso camposanto sarebbero stati segnalati altri casi di sepolture abusive

La tomba della nonna non c’è più, si indaga sui “defunti abusivi”

di
21 Dicembre 2016

È in corso un’indagine della Procura circa i cosiddetti defunti abusivi. Con una nota il Comune di Palermo sottolinea che ”È utile chiarire che i fatti erano noti all’Amministrazione, in quanto già nel mese di marzo gli Uffici competenti ne avevano riferito alla Procura, fatto che per altro ha reso obbligatoria la necessaria riservatezza per rispetto delle procedure d’indagine in corso”.

cimitero-rotoli

Nota che continua commentando le notizie di questa mattina relative alle incisioni con i nomi di  estranei che due fratelli hanno trovato sulla tomba della nonna ai Rotoli. “Le notizie sono riferibili a dichiarazioni rilasciate all’avvocato delle parti in causa e contengono per altro una grave inesattezza, in quanto non vi è alcun caso di “salme sparite” ma semplicemente vi sono otto (e non 10) salme che risultano regolarmente nel sepolcro, ancorché riunite in cassetta ossario. Quanto avvenuto è che nel 2007 un soggetto privato ha millantato parentela con il concessionario fondatore del sepolcro ed ha quindi potuto godere (illegittimamente) del diritto di sepoltura – e conclude – a seguito delle verifiche eseguite dagli Uffici, è stata verificata la contraffazione di una firma e pertanto si è proceduto alla traslazione della salma illegittimamente tumulata, presso altra sede”.

Sulla tomba della nonna infatti i due fratelli hanno trovato incisi i nomi di due sconosciuti, un uomo e una donna. Siamo al cimitero di Santa Maria dei Rotoli. Secondo Antonino Soresi, l’avvocato dei due fratelli, “Sembra che la sepoltura sia stata aperta senza autorizzazione“. Lo scorso luglio l’impiegato di un’agenzia funebre si era presentato a casa di uno dei due fratelli, a Bagheria, per fargli firmare alcuni “documenti urgenti”, una liberatoria per consentire la tumulazione di un pensionato morto nel 2014, “millantando – dice l’avvocato – una parentela con il reale titolare della concessione“. Nello stesso camposanto sarebbero stati segnalati altri casi di sepolture abusive.

Il figlio erede del fondatore del sepolcro ha ricevuto autorizzazione a lavori di manutenzione nel 2015 (prima della scoperta della contraffazione della firma) e, quanto alla lamentela della mancata preventiva informazione ai legittimi  discendenti, il Comune di Palermo ribadisce che gli Uffici sono stati tenuti ai doveri di riservatezza imposti dalle attività di indagine in corso, ma che il legale di parte è stato informato (a richiesta) su ogni aspetto della vicenda e nello specifico dell’attenzione con cui gli Uffici hanno seguito la vicenda.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin