La toponomastica di Termini nel libro di Enzo Giunta :ilSicilia.it

La toponomastica di Termini nel libro di Enzo Giunta

di
12 Aprile 2021

Il racconto della storia della propria città attraverso la toponomastica urbana è un genere letterario che, soprattutto nel dopoguerra, ha avuto una certa fortuna. Ed in effetti, che cosa può conservare meglio la memoria cittadina se non il reticolo delle strade a cui, nel tempo, è stato dato un nome in gran parte evocativo di un evento, di un personaggio o di un’evidenza architettonica che ne ha segnato la storia? Enzo Giunta, cultore della memoria storica termitana e già valoroso sindaco di Termini, con questo bel volume “Le Strade di Termini Imerese, tra storia e curiosità” edizione Lo Bono, ci offre un esempio di come la toponomastica possa essere strumento di lettura della storia locale e non solo. Con puntualità certosina, e amorevole trasporto, l’autore si inoltra nel dedalo di strade, piazze, slarghi, vicoli, viali di una città la cui origine affonda in un passato glorioso più che bimillenario, in un tempo cioè in cui gareggiava per potenza e cultura con le maggiori città del Mediterraneo.

Nei nomi di quelle vie, Giunta ritrova passato e presente, riscopre profumi antichi e moderni, ascolta il richiamo a vecchi e nuovi mestieri. In poche parole, riporta alla luce le tracce del passato e di un presente che spesso l’occhio disattento della gente non riesce più a cogliere. Non manca il riferimento alla favolosa e potente città greca di Himera, distrutta dai cartaginesi di Annibale Magone, nel 409 a.c., di cui l’autore non manca di tracciare un breve profilo. Ma non mancano nomi, spesso dimenticati, che hanno tuttavia avuto un peso.

Pochi, penso, sono a conoscenza dell’esistenza di un certo Ergotéle, che poi fu un atleta che, grande onore per il mondo greco, riuscì a vincere una Olimpiade di cui neppure i termitani sanno niente, mentre più noto è l’intellettuale termitano Palmeri di Micciché, un patriota la cui fama varca i confini dell’isola e a cui sono dedicate vie in molte città d’Italia o come Vincenzo Errante, politico e scrittore che partecipò ai moti del ’48. Ma ci sono anche i riferimenti ad antiche fabbriche e mestieri i cui richiami consentono all’autore di regalarci spezzoni di espressioni culturali dimenticate. Un lavoro di ricostruzione corredato da un prezioso apparato fotografico che mette a confronto passato e presente. Dunque un percorso originale che consente di far conoscere, dal di dentro, la vita di una comunità, e la bellezza di una cittadina che conserva un portato storico di tutto rispetto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco