La tradizione del gusto nel mercato moderno alla Fattoria Ruralia |VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

un laboratorio all'aperto

La tradizione del gusto nel mercato moderno alla Fattoria Ruralia |VIDEO

di
28 Giugno 2018

Guarda il video in alto

Tradizione, identità e ricchezza della biodiversità del grano e della vite, colture della civiltà Mediterranea, rappresentano una delle migliori risorse per la qualità dei prodotti. Il Nero d’Avola (vitigno autoctono) e il Nero delle Madonie (grano antico) coniugano la conservazione delle risorse genetiche con la qualificazione delle imprese e dei prodotti. Ruralia è una fattoria didattica dedicata alla biodiversità per l’agricoltura e l’alimentazione che affianca all’attività produttiva tradizionale quelle culturali,  ricreative e divulgative: una sorta di “laboratorio all’aperto”.

La tradizione viticola rivive invece nella Cantina Viticoltori Associati di Canicattì e i suoi 900 ettari di vigneti tra Agrigento, Caltanissetta e Palermo. Qui, l’amore e il forte legame produttivo con la terra unisce, dal 1969, la passione di 300 vigneron con un progetto produttivo proiettato verso le sfide dei mercati più esigenti.

La protezione della tradizione dell’antichissimo grano duro, invece, grazie alla Cooperativa Madre Terra. Una varietà del passato rimasta autentica e originale che era quasi del tutto scomparsa e che torna sul mercato dopo 80 anni.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.