La tradizione e la biodiversità della "Fattoria RurAlia" :ilSicilia.it
Palermo

il 24 giugno

La tradizione e la biodiversità della “Fattoria RurAlia”

di
19 Giugno 2018

Appuntamento per domenica 24 giugno presso la Fattoria Ruralia ad Alia in provincia di Palermo.  Si tratta di una struttura immersa in un grande polmone verde che non si limita ad offrire soltanto panorami mozzafiato ma anche prodotti che si rifanno al gusto delle tradizioni e alla biodiversità.

Identità e la ricchezza della biodiversità del grano e della vite, colture della civiltà Mediterranea, rappresentano una delle migliori risorse per la qualità dei prodotti. Il Nero d’Avola (vitigno autoctono) e il Nero delle Madonie (grano antico) coniugano la conservazione delle risorse genetiche con la qualificazione delle imprese e dei prodotti.

Ecco il programma proposto dalla Fattoria Ruralia con la Cooperativa Madre Terra di Gangi e la Cantina Viticoltori Associati di Canicattì:

ore 11 Benvenuto in fattoria

ore 11,30 Visita fattoria e animali – Giro a cavallo

ore 12,15 Laboratorio arte bianca: dal chicco al pane attraverso il mulino didattico, l’impasto e il forno a legna.

ore 12,45 Laboratorio del latte e trasformazione in formaggi e ricotte.

ore 13 La biodiversità a tavola

 

Il costo dell’esperienza è di 25 euro a persona e c’è anche un’offerta per i bambini che verranno ospitati gratis, fino ai 4 anni, e potranno godere dello sconto del 50%, fino ai 12 anni.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.