La tv cinese fa tappa in Sicilia, con Hu Jun considerato tra i cinque attori più famosi al mondo :ilSicilia.it

mercoledì 23 ottobre a Taormina

La tv cinese fa tappa in Sicilia, con Hu Jun considerato tra i cinque attori più famosi al mondo

21 Ottobre 2019

Si sta girando in questi giorni in Sicilia, con tappe nelle città di Palermo, Cefalù, Milazzo, Siracusa, Scicli e Taormina, lo show televisivo cinese “Little Journey”, con l’attore Hu Jun, considerato tra i cinque attori più famosi al mondo, al pari di Javier Bardem e Antonio Banderas.

Vista la notorietà dell’attore, si prevede che ad essere sintonizzati sul canale nazionale che ospiterà lo show televisivo in Cina (AnHui e iqiyi.com – Netflix in Cina), saranno circa 10 milioni di spettatori. Le suggestive immagini della nostra isola, che così rientrerà nell’alveo dei posti più belli da visitare in Europa, circoleranno quindi nel Paese più popolato al mondo, dando così un notevole contributo alla crescita del turismo siciliano.

Lo show televisivo racconterà a milioni di cinesi la cultura e le principali tradizioni popolari d’Europa, tra cui quelle siciliane, tra arte, cibo, cultura e identità; un docu-reality interamente cinese che si pone in dialogo con il vecchio continente, segno della costante e aumentata interazione tra le diverse culture.

Il merito dell’iniziativa è del manager siciliano Giuseppe Giorgianni che grazie ai suoi continui rapporti commerciali con l’estero e ad Alex Di Benedetto, siciliano anch’egli orgoglioso della sua terra, ha conosciuto il manager dell’attore cinese e tutto lo staff, proponendo la nostra isola tra i luoghi in cui girare alcune scene dello show televisivo. Il progetto, sponsorizzato da SicilyCityPass e sostenuto da Confartigianato Sicilia – Settore Turismo e Spettacolo – prevedeva le prime tappe a Palermo e Cefalù, già concluse, con sosta a Milazzo, dove ieri Hu Jun e la sua famiglia sono stati accolti dal sindaco Giovanni Formica e dall’assessore Pierpaolo Ruello. Prossima tappa mercoledì 23 ottobre a Taormina.

Hu Jun (nato il 18 marzo 1968) è un attore cinese noto per aver recitato in ruoli drammatici in vari film e serie televisive, vincendo numerosi premi come migliore attore, tra cui la 22° edizione del China Tv Golden Eagle Adwards, il 7° Hong Kong Film Golden Bauhinia Awards, l’8° Festival Internazionale del Film di Macao, l’Italian Film Festival e l’Annual Entertainment Awards.

HuJun ha recitato in oltre un centinaio di film interpretandoli come attore protagonista e partecipato a importanti reality show TV con milioni e milioni di spettatori.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.