La Vardera svela il suo primo assessore: "Totó Borgese allo Sport" :ilSicilia.it
Palermo

Dopo Marco Ligabue, un altro "vip" al fianco del giovane candidato sindaco di Palermo

La Vardera svela il suo primo assessore: “Totó Borgese allo Sport” [Video]

di
3 Marzo 2017

Dopo l’appoggio di Marco Ligabue, il giovane candidato sindaco di Palermo Ismaele La Varderapresenta un altro “volto noto” che ha deciso di scendere in campo al suo fianco alle Comunali di maggio. Con un video caricato sulla pagina Facebook, l’ex iena ha comunicato di aver preso la decisione di avvalersi della figura di Totó Borgese quale assessore in pectore allo Sport.

 

“Nella mia squadra – dice il giovane giornalista – troverete anche personaggi noti, ma la notorietà non è simbolo di buona politica. Per questo noi alla notorietà sommiamo la competenza, basta vedere il curriculum di Totó Borgese. Questo solo il primo dei professionisti che mi darà una mano, perché il progetto Ismaele sindaco non è fatto solo da giovani, ma da esperti e professionisti poiché alla freschezza, va aggiunta l’esperienza”.

Borgese è dottore in scienze motorie con 110 e lode, Laurea specialistica in management dello sport e delle attività motorie, istruttore con attestato della FIGC di scuola calcio, attore in “Malena” con Tornatore e “La Mafia uccide solo d’estate” con Pif. “Benvenuto a bordo Totò, farà parte del mio team e anche candidato al Consiglio Comunale con la mia lista”, conclude l’ex iena.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.