"La veglia", Filippo Luna consacra la tenacia di una madre tra realtà e finzione [Video intervista] :ilSicilia.it
Palermo

La recensione e le interviste

“La veglia”, Filippo Luna consacra la tenacia di una madre tra realtà e finzione [Video intervista]

9 Marzo 2018

E’ sola Carmela dentro quel mondo virtuale che rappresenta, per lei, l’ultima occasione di riscatto da un groviglio di sofferenze, represse in un baratro di silenzi lungo ventuno anni.

Adesso, dopo il tragico evento, ha deciso di ritornare ad usare la bocca ed essere “la recitante di come fu“: di come fu l’inizio della tragedia che ha tormentato la sua vita.

Sipario aperto, luci in sala e le urla, in un rito collettivo che accoglie l’arrivo del pubblico, a ricordare la nascita della figlia Samantha, incoronata madonna in terra dal primo vagito.

Parte da qui la versione di Carmela, protagonista de “La veglia” interpretata da Filippo Luna, che da dentro la televisione, fattasi per lei Television nella dimensione mondiale, è in corsa per un tele voto finale che, se tutto andrà bene, le permetterà di riavere il corpo esanime di sua figlia.

Quando parte il “gonne” e spunta alle sue spalle la scritta “onair” (video di Gandolfo Schimmenti) lei deve essere pronta a “fare il filo nel segno di qualunque cosa sia“, ad apparecchiare la verità per il “pubblico attore“, presente in platea, e per quello “troppo credente” che guarda da casa.

Catapultata in una dimensione dove realtà e finzione si rincorrono, a tratti indistintamente, Carmela si presenta per quella che è: una donna di mezza età, vulnerabile e tenace, arguta e disincantata, caustica e dolcissima che cerca conforto nell’estraneo.

Non è più “addestrata nel parlare” confida al pubblico, chiamato ad essere attore suo malgrado, tra un pausa e l’altra della diretta televisiva, mentre si affanna a cambiare scene (funzionali ed efficaci gli espedienti scelti da Luca Mannino) e costumi (Daniela Cernigliaro).

Rosario Palazzolo

Sono struggenti i quadri che si alternano nel racconto iperbolico ed estenuante sapientemente allestito dal regista Rosario Palazzolo: il momento dell’allontanamento di Samantha bambina, forse il più lirico di tutto lo spettacolo; il confronto in un trash talk; il suicidio della ragazza in diretta e il tele voto che, per l’ennesima volta, non renderà giustizia ad una madre. “Sorry Carmela“.

Ciò che rende lo spettacolo un piccolo scrigno dell’arte teatrale è, di certo, la dimensione della verità che giunge al pubblico, in una circostanza che oscilla tra la drammaticità del paradosso e la ferocia della realtà contemporanea.

La magistrale interpretazione, poi, di Filippo Luna, frutto di un approfondito lavoro con il regista, sigilla il tenace affiatamento di tutte le maestranze coinvolte (progetto luci di Alice Colla; musiche e suoni di Francesco Di Fiore) nell’allestimento di uno spettacolo da non perdere.

La veglia“, dopo il debutto in anteprima nazionale al Teatro Biondo (sala Strehler) replicherà fino al 18 marzo.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.