La vergogna di via Emerico Amari: vigili del fuoco bloccati dai paletti del Comune | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia di Francesco Raffa

La vergogna di via Emerico Amari: vigili del fuoco bloccati dai paletti del Comune | VIDEO

23 Giugno 2019

GUARDA IL VIDEO IN BASSO

In attesa della creazione della “mini-rambla” in via Emerico Amari, annunciata ormai due mesi fa dall’assessore alla Mobilità Giusto Catania, ecco cosa accade oggi nella strada ormai simbolo dei cantieri incompiuti di Palermo.

Un intervento dei vigili del fuoco bloccato dai paletti installati dal Comune per delimitare l’area pedonale. La denuncia arriva sui social nel gruppo “Amari Cantieri”, guidato da Francesco Raffa, che da anni si batte contro l’immobilismo del cantiere Tecnis per l’Anello Ferroviario.

Ecco cosa scrive Raffa: “Palermo 23/06/2019. Avete presente quelli della “Rambleizzazione selvaggia ” quelli che i “progetti” vengono dopo ed “eventualmente”? Ecco cosa sta succedendo in via Emerico Amari in prossimità dell’incrocio con via La Masa: un intervento urgente dei vigili del fuoco rallentato da paletti in ferro piantati nell’asfalto perché l’han deciso loro… Carissimi sindaco, assessore alla mobilità, responsabili segnaletica stradale (AMAT) bisognerebbe “arrestare” certi modus operandi, altrimenti dovranno essere arrestati gli operanti. Non credete?”.

In attesa di scoprire se e quando verrà tradotto in realtà il progetto approvato due mesi fa dalla Giunta Comunale, su Facebook c’è chi scrive come mai non siano stati installati i paletti “a scomparsa”. E chi invece pensa di denunciare il fatto alla Procura.

GUARDA IL VIDEO IN BASSO

 

 

LEGGI ANCHE:

Addio per sempre alle auto, via Emerico Amari a Palermo sarà pedonale | FOTO

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona