La vertenza Pfizer di Catania e il 'vizietto' antimeridionalista della Lega :ilSicilia.it

L'opinione di Elio Sanfilippo

La vertenza Pfizer di Catania e il ‘vizietto’ antimeridionalista della Lega

di
23 Marzo 2022
Elio Sanfilippo

Da alcuni mesi la Sicilia è attraversata da una serie di vertenze sindacali in difesa del posto di lavoro, a conferma che alla faccia di una conclamata ripresa dell’economia.

Siamo, infatti, in presenza, di un aumento della disoccupazione, molte aziende chiudono o sono in difficoltà, mentre i prezzi aumentano a cominciare da quelli di prima necessità, il potere d’ acquisto di salari e pensioni falcidiato e, a volte a sproposito, tutto ciò si giustificava ieri con la pandemia, oggi con la guerra di aggressione all’Ucraina.

Tra le vertenze che travagliano l’isola spicca la vertenza della Pfizer di Catania, vuoi per il nome che porta essendo l’azienda del vaccino più diffuso nella lotta contro il Covid, vuoi per la ingiustificata decisione di tagliare i posti di lavoro.

Non si tratta, infatti, di una piccola o media azienda siciliana, di un imprenditore in difficoltà che ha visto ridotte le commesse, ma di un colosso, di una multinazionale americana che in occasione della pandemia ha visto aumentare enormemente i suoi profitti.

Perché dunque tagliare e ridimensionare un punto di produzione attivo e qualificato in un settore farmaceutico che alla luce dell’esperienza del Covid dovrebbe essere invece potenziato?

Vuoi vedere che, proprio per questo, il colosso americano sta procedendo a una sua ristrutturazione finalizzata a questo obbiettivo privilegiando altri siti e che siamo di fronte, pertanto, a una strategia di dismissione che parte dalla Sicilia ritenuta l’anello più debole e considerata ancora una volta una colonia da sfruttare?

Contrastare questo disegno richiederebbe oltre all’impegno dei sindacati siciliani che non è venuto meno anche quello dei suoi vertici nazionali e, soprattutto, del governo nazionale presieduto da Draghi che si spende in impegni nei confronti del Sud, ma finora solo a parole.

Improvvisamente “mirabile dictu”, o meglio, “horribile dictu” il ministro Giancarlo Giorgetti, numero due di quella Lega Nord, che da qualche anno ha messo piede, e più che un piede, in Sicilia, ha fatto capire che il caso Pfizer non può essere considerato una vertenza di importanza nazionale, relegandola di fatto a un fatto locale.

L’interlocutore della Multinazionale, quindi, per il signor ministro non è il governo centrale come avviene in tutti gli altri paesi, ma il governo della Regione siciliana che, come tutti sanno, a cominciare dal ministro, non ha alcun potere, tranne il sostegno politico che in verità vi è stato e la solidarietà che di questi tempi non si nega a nessuno.

Siamo di fronte ad una posizione inaccettabile, per molti versi miope che non trova giustificazione alcuna e che conferma, se ce ne fosse ancora bisogno, l’anima nordista e anti meridionalista della Lega.

Vuoi vedere, infatti, che quando la strategia di dismissione della Pfizer toccherà un comune del Nord, come ad esempio Milano, quella vertenza diventerà un problema nazionale?

L’onorevole Giorgetti, tuttavia, passa per persona accorta e abile e sicuramente avrà avuto le sue ragioni per dare quella dichiarazione che, ovviamente, non sono le ragioni della Sicilia.

Vuoi vedere che vi è un accordo sottobanco che tutela le strutture di Pfizer al centro nord in cambio delle mani libere in Sicilia? Come diceva il vecchio Giulio Andreotti “a pensar male si fa peccato ma quasi sempre ci si azzecca”.

Comunque vi è un solo modo per smentire queste malignità, che il governo nazionale assuma l’impegno di intervenire su questa vertenza convocando immediatamente le parti.

Nel frattempo aspettiamo di vedere fioccare interpellanze e interrogazioni al parlamento nazionale da parte dei deputati siciliani, l’intervento del PD, in particolare del suo vice segretario Provenzano che è siciliano ed è stato ministro del sud nel precedente governo, del vice ministro grillino e siciliano Cancellieri, che si faccia sentire Mara Carfagna che del sud è l’attuale ministro.

In particolare però, aspettiamo che si muovano i leghisti siciliani che si sono arruolati nelle truppe di Matteo Salvini.

Quale migliore occasione per dimostrare di tutelare gli interessi siciliani prendendo le distanze dal ministro Giorgetti.

In caso contrario dovremmo costare con preoccupazione che in Sicilia si sta rinnovando l’antica pratica dell’ascarismo, attraverso cui gli interessi e i diritti dei siciliani vengono svenduti e sacrificati sull’altare degli interessi del partito nazionale, in questo caso lombardo, in cambio delle proprie fortune o della propria sopravvivenza politica.

Gli ascari, infatti, erano soldati indigeni delle colonie italiane, che si arruolavano a sostegno delle truppe di occupazione.

Aspettiamo e ci auguriamo, però, di essere smentiti perché nel caso contrario la Sicilia avrà un nemico in più di cui si pensava si fosse liberata.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.