La Via un nome che non unisce il centrodestra. La partita si gioca su quello che può mettere tutti d'accordo | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Arrivare a destra, partendo dal centro. L'ambizione di Altermativa Popolare di determinare le scelte

La Via un nome che non unisce il centrodestra. La partita si gioca su quello che può mettere tutti d’accordo

di
7 Luglio 2017

Arrivare a destra, partendo dal centro. L’ambizione di rivendicare la centralità di un’area che in passato in Sicilia ha espresso un consenso vasto, sembra potere condizionare ancora oggi la scelta del candidato di centro destra.

Giovanni La Via sta facendo molto bene il parlamentare europeo. È al suo secondo, mandato, svolge ruoli importanti e penso sia giusto che continui a fare questo”. Pino Firrarello, nome ‘storico’ dell’area moderata catanese, non fa mistero delle sue opinioni.  Rivendica anzi uno schieramento centrista protagonista  possibilmente :”Io non faccio parte di una coalizione di destra. Mi sento un’espressione di centro. Abbiamo il diritto di chiedere una  nostra candidatura. Al di là dei suoi dinieghi, anche comprensibili, rimane Alfano, al di là di quello che lui stesso dice. Vedrei bene anche una candidatura di D’Alia”.

Il centro destra siciliano stenta a trovare la quadra sul nome dell’europarlamentare. Anche Francesco Cascio, uno dei coordinatori  in Sicilia di Alternativa Popolare fa diverse precisazioni sull’argomento:“Non abbiamo ancora parlato di nomi. Io ne faccio una questione di metodo. Riunire il centro destra a partire dal mondo moderato può essere una scommessa ancora possibile. Anzi assolutamente vincente. Le candidature autoreferenziali, e non mi riferisco a un nome in particolare, rappresentono un punto di partenza sbagliato”.

La candidatura di Musumeci rimane in campo, forte e autorevole, ma non sfonda proprio in quella parte di schieramento che si ritiene baricentrica sia nel centro sinistra che nel centro destra. Lo comprende anche l’ex europarlamentare catanese che, pur essendo in prudente attesa, lavora a 360 gradi per aumentare il proprio consenso.

Per certi verso il partito di Alfano ricorda il vecchio gioco del fazzoletto (rubabandiera) quando si aspetta di essere chiamati (da Berlusconi o Renzi, ad esempio) pronti a intercettare l’offerta politicamente più credibile.

E se da un lato le parole di Alfano di questi giorni sgombrano il campo a una sua discesa in campo, rimane chiara la tentazione dei centristi di rivendicare spazio e autonomie di scelte.

Un fatto che non è sfuggito allo stesso Miccichè, autorizzato dallo stesso Berlusconi ad avviare trattative  senza riserve.

Del resto non è un mistero che interi settori di Alternativa Popolare (da Maurizio Lupi a Simona Vicari) stiano subendo il fascino di una trattativa con la casa renziana.

Ecco dunque che si ritorna al punto di partenza.

Con chi sta Alternativa Popolare?

Esiste un nome e un volto che può convincere Musumeci a fare un passo indietro?

Il centro siciliano ha ancora la capacità di aggregare su un nome partendo da queste premesse?

L’esperienza laica di Ferrandelli, a cui hanno dato sostegno le forze di centro destra alle comunali di Palermo, viene citata come un esempio in cui la necessaria chiarezza rimane un presupposto fondamentale di riconoscibilità per gli elettori.

Forse anche su questo è il caso di riflettere.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin