13 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.21
Palermo

Il primo cittadino parla anche di assunzioni di parenti

La video-denuncia del sindaco di Cinisi, alla Gesap contratti che alimentano il precariato

5 Luglio 2019

Guarda il video in alto

All’aeroporto Falcone – Borsellino si preannuncia un’estate infuocata. Come un fulmine a ciel sereno arriva una video-denuncia del sindaco di Cinisi Giangiacomo Palazzolo in merito alle assunzioni fatte da Gesap GH, società privata partecipata da Gesap nella misura del 20 per cento.

“L’anno scorso – dice il sindaco nel video, postato sul suo profilo Facebook – Gesap GH assume 40 stagionali e quest’anno ne assume altri 70. Si potrebbe pensare a una bellissima notizia, ma dobbiamo indagare sui rapporti fra le due società. La Gesap ha affidato servizi a Gesap GH. Mi chiedo intanto perchè arricchire il privato e indebolire Gesap? I 110 stagionali hanno, inoltre, contratti che non sono rispettosi della dignità lavorativa visto che un dipendente prende circa 480 euro. Sia chiaro, il privato è libero di fare quel che vuole, anche contratti simili, ma la parte pubblica, la Gesap come può consentire che si facciano assunzioni trimestrali del genere? Sicome c’è una parte politica in Gesap GH, allora io dico che è un’operazione deplorevole, che alimenta il precariato e genera fasce più povere di quelle che alimenta il reddito di cittadinanza”.

“Gesap GH e il signor Zincone, azionista di maggioranza – aggiunge Palazzolo – può assumere chi vuole, ma essendoci in Gesap GH anche la Gesap, cioè il comune di Palermo, ma soprattutto, per quanto mi riguarda, il comune di Cinisi, come sindaco pretendo che, prima di fare assunzioni trimestrali di scarso valore, si faccia quella pubblicità affinchè vi sia una opportunità lavorativa per molti. Queste assunzioni, inoltre, sono state fatte attraverso una società di lavoro interinale e se si vede i nomi di chi è assunto, ci si accorge che vi sono parentele con persone che svolgono funzioni politiche o sindacali all’interno dell’aeroporto. questi signori dovrebbero dimettersi dai ruoli che ricoprono”.

E conclude: “Gesap dà servizi a Gesap GH, che è un privato. il privato si arricchisce così e il pubblico si indebolisce. Noi ci batteremo per fermare tutto questo. Inoltre i posti di lavoro si creano ma veramente non con contratti da 480 euro e non devono essere assegnati con società interinali, ma in modo pubblico. Concludo dicendovi che il comune di Cinisi continuerà ad opporsi ad attività che possano apparire antieconomiche per la Gesap e faremo di tutto per ostacolare questa forma di precariato”. 

In un altro video (qui in basso), il sindaco chiede le dimissioni di Fabio Giambrone da presidente di GH o (in alternativa) di quelle di Scalia da amministratore delegato della Gesap. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.