14 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.09
Palermo

L'artista è definito il "Bansky italiano"

La Vucciria si sveglia con un murale di Tvboy su Santa Rosalia

7 Febbraio 2019

Palermo si è svegliata con un’opera di TVBOY in uno dei luoghi simbolo del capoluogo siciliano: la Vucciria. E’ la prima volta che lo street artist, che si è formato a Milano e attualmente vive in Spagna, fa incursione a Palermo, e ha scelto piazza Giovanni Meli.

L’occasione è il desiderio di riportare in vita il murale “Santa Rosalia“, apparso a Barcellona lo scorso 8 gennaio e sparito misteriosamente dopo poche ore. L’opera, ispirata alla star del Flamenco pop Rosalía, voleva far riflettere, con ironia, sull’idolatria e sul culto delle icone nella società contemporanea: se secoli fa l’oggetto di culto erano le icone religiose, ora sono le stelle della musica e gli influencer.

Sono molto legato alla figura protettrice di Santa Rosalia e a Palermo – afferma TVBOY – Era giusto che l’opera rivivesse qui e mi auguro abbia lunga vita“.

L’artista, di origini palermitane, definito il “Bansky italiano” per le sue provocazioni in chiave street art, ha voluto così omaggiare la sua città natale e la sua Santa Patrona, con un’opera che nella versione sicula, riporta lo stemma della città di Palermo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.