La Vucciria si sveglia con un murale di Tvboy su Santa Rosalia :ilSicilia.it
Palermo

L'artista è definito il "Bansky italiano"

La Vucciria si sveglia con un murale di Tvboy su Santa Rosalia

di
7 Febbraio 2019

Palermo si è svegliata con un’opera di TVBOY in uno dei luoghi simbolo del capoluogo siciliano: la Vucciria. E’ la prima volta che lo street artist, che si è formato a Milano e attualmente vive in Spagna, fa incursione a Palermo, e ha scelto piazza Giovanni Meli.

L’occasione è il desiderio di riportare in vita il murale “Santa Rosalia“, apparso a Barcellona lo scorso 8 gennaio e sparito misteriosamente dopo poche ore. L’opera, ispirata alla star del Flamenco pop Rosalía, voleva far riflettere, con ironia, sull’idolatria e sul culto delle icone nella società contemporanea: se secoli fa l’oggetto di culto erano le icone religiose, ora sono le stelle della musica e gli influencer.

Sono molto legato alla figura protettrice di Santa Rosalia e a Palermo – afferma TVBOY – Era giusto che l’opera rivivesse qui e mi auguro abbia lunga vita“.

L’artista, di origini palermitane, definito il “Bansky italiano” per le sue provocazioni in chiave street art, ha voluto così omaggiare la sua città natale e la sua Santa Patrona, con un’opera che nella versione sicula, riporta lo stemma della città di Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin