"La zona rossa": il regista siciliano Salvo Cuccia racconta il lockdown | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

girato a Palermo

“La zona rossa”: il regista siciliano Salvo Cuccia racconta il lockdown | VIDEO

di
30 Marzo 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

“”La zona rossa – Follow the silence” è un’immersione nel paesaggio sonoro in questa bolla in cui non abbiamo mai vissuto“.

E’ con queste parole che il regista siciliano Salvo Cuccia parla del suo ultimo progetto, un ritratto di Palermo nei giorni e nelle notti della pandemia Covid.

Protagonista è il silenzio, diverso in ogni luogo, non solo nelle strade desolate, ma anche nei cinema, teatri, musei e scuole private di vita e di cultura.

Ma attenzione, “La zona rossa“, nato col Centro inventario, catalogazione e documentazione della Regione Siciliana, non è un documentario, ma un film di creazione.

Infatti, ad esempio, le immagini e i suoni degli interni del cinema valgono più delle parole di un telegiornale che dice che i luoghi della cultura sono chiusi. Tutto passa non attraverso un ragionamento, ma attraverso la percezione.

Le riprese sono state fatte a partire dal dicembre 2020 fino ad oggi, con contributi del primo lockdown di aprile. A curare il film insieme a Cuccia sono stati Selima Giorgia Giuliano, Laura Cappugi, Pierantonio Passante ed Edoardo Augello.

La percezione e il suono

“La mia idea era di lavorare non solo sul silenzio, ma sul suono della città nel momento in cui c’era più chiusura e fare una riflessione sul mondo. Palermo, in questo caso, è solo una città simbolica“, spiega il regista.

“Ho lavorato su una sottrazione mostrando quello che sta attorno a noi, l’aria che respiriamo e l’atmosfera interiore che abbiamo tutti, o quasi. Nel film lo sguardo va alla ricerca di qualcosa che stiamo perdendo o che forse non c’è più. È una riflessione che porta a porsi degli interrogativi che non vengono dalla ragione, ma dalla percezione, anche sul rapporto tra natura e antropizzazione”.

“La mia storia artistica è fatta di videoarte, documentari e finzione. “La zona rossa” è realizzato con un linguaggio molto personale. In questo film, infatti, sono presenti vari stili e forme con cui esprimo quello che forse con le parole verrebbe banalizzato”.

Lelio Giannetto

“A Dicembre stavamo per iniziare a girare quando è scomparso Lelio, un grande amico che conoscevo dal liceo. Quando sono andato al saluto della salma, lì la mia emozione è stata così forte che ho pensato fosse giusto che il film fosse dedicato a lui” evidenzia il regista.

Giannetto, il musicista e creativo fondatore della associazione Curva Minore per la musica contemporanea, fu un grande artista sperimentatore che ha saputo unire la Sicilia al mondo e che è scomparso a causa del Covid.

“In questa produzione – aggiunge e conclude Cuccia -, ho lavorato con tanti musicisti. È stato interessante sentirli suonare e riprenderli in luoghi esterni alla cultura, in cui la musica si intreccia e si mimetizza in mezzo ai suoni reali della città. Suoni che abbiamo avuto la possibilità di ascoltare quando nessuno poteva stare fuori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin