"La Ztl a Palermo è legittima", il Tar boccia nuovamente il ricorso :ilSicilia.it
Palermo

ERA STATO PRESENTATO DA 330 PERSONE

“La Ztl a Palermo è legittima”, il Tar boccia nuovamente il ricorso

di
13 Luglio 2020

La Ztl a Palermo è legittima.

Lo ribadisce il Tar Palermo che ha respinto il secondo ricorso contro il provvedimento di limitazione del traffico deciso dall’amministrazione comunale. La domanda era stata presentata da 330 soggetti, tra cittadini e imprese.

Anche con questa sentenza, come in quella emessa venerdì scorso, i giudici amministrativi hanno dichiarato l’istanza inammissibile per difetto di legittimazione e condannato i ricorrenti a pagare e 8.000 euro di spese legali in favore del Comune e della municipalizzata Amat, assistita dagli avvocati Salvatore e Luigi Raimondi.

Complessivamente, considerando anche la condanna alle spese nella fase cautelare, i ricorrenti sono chiamati a risarcire al Comune, ad Amat ed alle associazioni ambientaliste intervenienti ben 21.500 euro. In questa sentenza il Tar si pronuncia, tra l’altro, sulla legittimazione a ricorrere dei commercianti, i quali non hanno dato prova “né delle perdite denunciate né della loro riconducibilità alle misure limitative della circolazione adottate dal Comune“.

Inoltre, secondo il Tar, “l’interesse dei commercianti e degli imprenditori a incrementare il proprio profitto o a circoscrivere le perdite dell’attività corrisponde con ogni evidenza ad una aspettativa di puro fatto che, quand’anche fosse effettivamente vanificata dalle decisioni sul traffico veicolare intraprese dall’autorità comunale, non varrebbe a qualificare giuridicamente la posizione dei ricorrenti sotto il profilo della legittimazione attiva“.

Soddisfazione degli avvocati dell’AMAT, Salvatore e Luigi Raimondi, secondo i quali la sentenza in esame chiude definitivamente la partita anche sui provvedimenti relativi alla Ztl notturna, visto che il principio fissato per i commercianti che operano di giorno non può che valere anche per i proprietari dei locali notturni.

IL COMMENTO DELL’ASSESSORE ALLA MOBILITA’ DEL COMUNE DI PALERMO GIUSTO CATANIA:

“Seconda sentenza ZTL in pochi giorni e il TAR continua a dare ragione al Comune di #Palermo. La motivazione della sentenza è fortissima: non possono essere invocate ragioni economiche individuali nella organizzazione della mobilità urbana. A maggior ragione se non è dimostrato alcun danno alle attività imprenditoriali.
Forse chi ha organizzato le raccolte di firme contro la ZTL, spiegando ragioni giuridicamente insostenibili, dovrebbe chiedere scusa alle tante persone che, in buona fede, hanno aderito al ricorso. Con questa sentenza si può dire che si chiude definitivamente la stagione di chi ha usato un argomento serio, quali sono le misure per tutelare la salute dei cittadini, per la propria propaganda politica”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.