Lagalla sedotto dall'Udc (e flirta con Renzi): gli effetti su Regionali e Amministrative :ilSicilia.it

il retroscena

Lagalla sedotto dall’Udc (e flirta con Renzi): gli effetti su Regionali e Amministrative

di
29 Settembre 2021

Roberto Lagalla vuole fare il sindaco di Palermo e per riuscirci potrebbe provare a correre sotto la bandiera dell’Udc (e la conferenza stampa indetta domani 30 settembre a Palazzo dei Normanni con i vertici siciliani del partito e la presenza annunciata del segretario Lorenzo Cesa, sembra essere stata convocata per sancire il passaggio dell’ex rettore alla corte centrista).

Ma non si tratterebbe di una candidatura monocolore: a sostenere Lagalla potrebbero arrivare anche i renziani di Italia Viva, con le amministrative del capoluogo che diventerebbero banco di prova per il nuovo centro ipotizzato da tanti, anche se limitato a due partiti (almeno per il momento). Da questo progetto prenderebbero le distanze il Cantiere Popolare di Saverio Romano e dell’assessore regionale Toto Cordaro, che resterebbero fedeli al centrodestra.

Ma le amministrative di Palermo sono soltanto il primo di tanti appuntamenti elettorali che si susseguiranno nei prossimi mesi e che, inevitabilmente, finiranno per influenzare gli equilibri di nuove e vecchie alleanze. Matteo Salvini dice di puntare a un candidato leghista per Palazzo d’Orleans, ma ha detto che il Carroccio ha candidati pronti pure per Palermo e Catania. L’ex ministro sa bene che non potrà avere tutto e che dovrà curare gli equilibri di coalizione in una Regione dove il suo appeal elettorale – almeno finora – non è mai stato comprovato dai risultati delle urne. Potrebbe, quindi, cedere ai diktat di Nello Musumeci, già in corsa per la conferma, e dirottare gli appetiti della Lega in Sicilia verso la candidatura per la carica di primo cittadino di Palermo.

In questo scenario, il nome del centrodestra per Palermo potrebbe a questo punto essere quello del neoleghista Francesco Scoma che recentemente ha detto addio a Italia Viva e che non ha mai nascosto le sue mire alla aspirazioni per la carica che fu di suo padre. Ecco che in quest’ottica potrebbero trovare composizione gli interessi delle parti del centrodestra che oggi sembrano distanti, con Musumeci che andrebbe a ritentare la conferma a Palazzo d’Orleans e la Lega con un candidato di bandiera per Palermo.

Le tessere del puzzle andrebbero a trovare il giusto incastro. Resterebbe in ogni caso da definire la proposta del centrodestra per Catania. Oggi il sindaco è Salvo Pogliese di Fratelli d’Italia: se Giorgia Meloni volesse pensare a un bis a Palazzo degli Elefanti (ci sarebbe anche l’opzione Raffaele Stancanelli) il cerchio si chiuderebbe.

Anzi no. Già, perché dalla girandola delle candidature resterebbe fuori Forza Italia. Gianfranco Micciché non fa mistero di puntare al bis sulla poltrona più alta di Sala d’Ercole, quella di Presidente dell’Ars, ma sembra un po’ pochino perché il coordinatore regionale azzurro si possa accontentare e lasciare tutte le stanze dei bottoni dell’amministrazione attiva della Regione e delle maggiori città agli alleati.

Se però Cateno De Luca dovesse mantenere fede alla sua volontà espressa di dimettersi da sindaco di Messina per correre in autonomia per la Presidenza della Regione si libererebbe una casella… Basterà?

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin