L'allarme dei commercianti: "Consumi quasi azzerati, serve un anno bianco fiscale" :ilSicilia.it
Palermo

intervista a nunzio Reina (Confesercenti)

L’allarme dei commercianti: “Consumi quasi azzerati, serve un anno bianco fiscale”

di
25 Dicembre 2020

Il vice presidente della Camera di commercio di Palermo ed Enna e responsabile attività produttive Confesercenti Sicilia Nunzio Reina ha parlato della situazione commerciale della città in questo Natale segnato dalla pandemia.

Nunzio Reina
Nunzio Reina

Reina ha fatto in prima istanza un’analisi dettagliata di quelli che sono stati i consumi a Palermo in questo frangente, tracciando un quadro di sostanziale contrazione generale con qualche eccezione: Sotto l’aspetto dei consumi il settore tecnologico ha fatto grossi numeri, tanto è vero che hanno avuto un seguito le richieste di telefonini, televisioni ed altri apparecchi. Per il resto c’è un ceto medio che consuma quasi niente mentre le grandi firme riescono ad avere un seguito non indifferente. Questo è quello che sta accadendo a Palermo. I centri commerciali hanno avuto grande lavoro ma con le chiusure del week-end sono fortemente penalizzati. Come sempre ha fatto da padrone l’online e una delle categorie più massacrate è quella degli artigiani che normalmente approfittavano dei mercatini di Natale per vendere i propri prodotti. Questo è un settore in forte crisi”.

In merito a quelle che possono essere le soluzioni per sostenere le attività  in vista dell’anno nuovo il vice presidente della Camera di commercio di Palermo ed Enna indica una via univoca:  “Il punto fondamentale per cui non c’è alternativa è rendere il 2020 un anno bianco fiscale per tributi e contributi. Se questo rinvio nel 2021 non si farà non saremo in grado di pagare nulla e un piccolo negozio non potrà proseguire un’attività.  Ripeto che non c’è alternativa: se a me come attività, arrivano i pagamenti da fare, dopo lo stato di crisi che ho dovuto sopportare non sarò in grado di continuare e questo significa chiudere. L’anno bianco sarebbe importante perle imprese, anche perché, bisogna dire che gli aiuti non sempre arrivano, non sempre sono equi e non sempre sono risolutivi: sono una piccola boccata d’ossigeno che però non cambia nulla”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin