Lampedusa, duro scontro tra il sindaco e la Dat Airlines: "Pronti a cancellare i voli" :ilSicilia.it
Agrigento

la querelle

Lampedusa, duro scontro tra il sindaco e la Dat Airlines: “Pronti a cancellare i voli”

di
24 Settembre 2019

“Se la Dat Airlines non è in grado di garantire il collegamento aereo fra Lampedusa, Palermo e Catania, si cambi compagnia individuandone una che può mantenere gli impegni”. Lo ha detto ieri Totò Martello, sindaco di Lampedusa e Linosa segnalando numerosi episodi di disservizi da parte della compagnia aerea Dat Airlines (alla quale è stata affidata la tratta sociale) che si sono ripetuti anche negli ultimi giorni e che hanno determinato ritardi e cancellazione di voli.

totò martello
Totò Martello

“Ogni volta ce n’è una – aggiunge Martello – di recente sembra anche che ci siano stati anche problemi con la documentazione degli aeromobili. Per Lampedusa è determinante poter contare su collegamenti certi e su aerei efficienti e dal momento che queste sono tratte sociali a mio avviso, alla luce dei continui disservizi, ci sono gli estremi per valutare inadempienze contrattuali da parte della Dat: chiedo quindi all’Enac ed all’assessorato regionale alle Mobilità e Trasporti di intervenire e valutare l’opportunità di affidare il servizio ad un’altra compagnia”.

La Replica di DAT

DAT Volidisicilia, in risposta alle dichiarazioni del sindaco di Lampedusa, “è pronta a valutare l’abbandono delle rotte in continuità territoriale, nel rispetto dei termini temporali previsti dal bando.

Per rispondere alle critiche, gratuite e non sostanziate, del Sindaco, vorremo far presente che il livello di servizio erogato da DAT Volidisicilia è in linea con quello del settore aeronautico a livello internazionale e le cause di eventuali ritardi e cancellazioni sono frequentemente riconducibili a responsabilità terze, non solo alla compagnia aerea, come è accaduto negli ultimi giorni.

Dall’inizio del 2019, oltre l’87% dei voli DAT Volidisicilia da e per Lampedusa sono risultati puntuali, mentre le cancellazioni sono state meno di 2 ogni cento voli e solo una esigua quota di questo valore è imputabile alla Compagnia aerea vettore.

Buona parte delle irregolarità sono imputabili a vincoli operativi peculiari di Lampedusa quali: la chiusura mattutina dell’aeroporto per consentire l’attracco della nave al porto e l’inderogabile e precoce chiusura serale della torre di controllo. Temi che il Sindaco dovrebbe conoscere bene e che avrebbe potuto comprendere meglio se avesse presenziato alle diverse riunioni in cui è stato invitato e alla quali è sempre risultato assente.

Riteniamo che il primo cittadino, nell’interesse della comunità che rappresenta, dovrebbe conoscere al meglio i fenomeni che riguardano il suo territorio e agire con l’obiettivo di eliminare i problemi anziché esacerbarli, offrendo naturalmente la propria collaborazione ad operatori privati che, oltre a garantire un servizio vitale per l’isola, portano ricchezza e valore.

In conclusione, DAT Volidisicilia, con il dovuto garbo istituzionale, ha di buon grado accettato l’invito dell’Assessore ai Trasporti della Regione Siciliana Marco Falcone e sarà presente alla riunione convocata il prossimo martedì 1° ottobre per affrontare i temi e le difficoltà connessi al servizio di continuità territoriale, auspicando un confronto schietto e costruttivo tra le varie parti in causa”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.