Lampedusa: l'hotspot è al collasso, ma continuano gli sbarchi dei migranti :ilSicilia.it
Agrigento

arrivato un barchino con 12 persone

Lampedusa: l’hotspot è al collasso, ma continuano gli sbarchi dei migranti

di
2 Agosto 2020

(Foto di repertorio)

Una piccola imbarcazione con una dozzina di migranti è entrata nel porto di Lampedusa. Al momento il barchino è fermo e le persone – tutti uomini – sono ancora a bordo, stremate ma festose per l’arrivo in Italia. Uno di loro ha scattato una foto.

Ieri il sindaco di Lampedusa Totò Martello aveva annunciato che l’hotspot per la prima accoglienza dei migranti sarebbe stato chiuso perché all’interno ci sono un migliaio di persone”, un numero dieci volte maggiore rispetto alla capienza prevista dalla struttura. “I prossimi che arriveranno dovranno stare sul molo”, aveva detto Martello lanciando un appello affinché fosse svuotato il Centro “stracolmo“. In serata la Prefettura di Agrigento aveva disposto la partenza di 170 i migranti, che in queste ore lasceranno l’isola per raggiungere Porto Empedocle.

Ieri Martello ha lanciato la richiesta urgente al premier Conte di dichiarare lo stato di emergenza, non lesinando critiche: “Non capisco cosa aspetti Conte, dato che in 28 giorni sono sbarcate cinquemila persone! Numero superiore al 2011: in quel caso il governo dichiarò lo stato di emergenza”. Anche il presidente della Regione Musumeci non ha risparmiato critiche a Roma.

Intanto, dalla struttura d’accoglienza di contrada Imbriacola sono pronti a partire 100 migranti: verranno imbarcati sul traghetto di linea che giungerà in serata a Porto Empedocle (Ag). All’hotspot, dopo i nuovi sbarchi, resteranno in 712.

 

LEGGI ANCHE:

Hotspot stracolmo, altri 250 migranti a Lampedusa. Il sindaco: “Governo dichiari stato di emergenza”

Migranti, Musumeci all’attacco di Roma: “Lampedusa scoppia ma non si dichiara l’emergenza”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.