Lampedusa: l'hotspot è al collasso, ma continuano gli sbarchi dei migranti :ilSicilia.it
Agrigento

arrivato un barchino con 12 persone

Lampedusa: l’hotspot è al collasso, ma continuano gli sbarchi dei migranti

di
2 Agosto 2020

(Foto di repertorio)

Una piccola imbarcazione con una dozzina di migranti è entrata nel porto di Lampedusa. Al momento il barchino è fermo e le persone – tutti uomini – sono ancora a bordo, stremate ma festose per l’arrivo in Italia. Uno di loro ha scattato una foto.

Ieri il sindaco di Lampedusa Totò Martello aveva annunciato che l’hotspot per la prima accoglienza dei migranti sarebbe stato chiuso perché all’interno ci sono un migliaio di persone”, un numero dieci volte maggiore rispetto alla capienza prevista dalla struttura. “I prossimi che arriveranno dovranno stare sul molo”, aveva detto Martello lanciando un appello affinché fosse svuotato il Centro “stracolmo“. In serata la Prefettura di Agrigento aveva disposto la partenza di 170 i migranti, che in queste ore lasceranno l’isola per raggiungere Porto Empedocle.

Ieri Martello ha lanciato la richiesta urgente al premier Conte di dichiarare lo stato di emergenza, non lesinando critiche: “Non capisco cosa aspetti Conte, dato che in 28 giorni sono sbarcate cinquemila persone! Numero superiore al 2011: in quel caso il governo dichiarò lo stato di emergenza”. Anche il presidente della Regione Musumeci non ha risparmiato critiche a Roma.

Intanto, dalla struttura d’accoglienza di contrada Imbriacola sono pronti a partire 100 migranti: verranno imbarcati sul traghetto di linea che giungerà in serata a Porto Empedocle (Ag). All’hotspot, dopo i nuovi sbarchi, resteranno in 712.

 

LEGGI ANCHE:

Hotspot stracolmo, altri 250 migranti a Lampedusa. Il sindaco: “Governo dichiari stato di emergenza”

Migranti, Musumeci all’attacco di Roma: “Lampedusa scoppia ma non si dichiara l’emergenza”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin