Lampedusa nel caos, furgone dell'hotspot in fiamme. Continuano gli sbarchi :ilSicilia.it
Agrigento

nella notte tra ieri e oggi

Lampedusa nel caos, furgone dell’hotspot in fiamme. Continuano gli sbarchi

di
11 Agosto 2020

Notte di sbarchi a Lampedusa: da mezzanotte all’alba sono giunti cinque barchini con a bordo un totale di 80 persone, quasi tutti tunisini e una decina di libici.

Ieri, in meno di 12 ore si erano registrati altri 4 approdi di 44 tunisini. Anche i cinque gruppetti arrivati nelle ultime ore sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola dove si è arrivati a poco meno di circa 320 presenze a fronte di una disponibilità massima di 192 posti.

Il mezzo che serve a trasferire i migranti dal porto al centro di contrada Imbracola è andato a fuoco all’alba. Il furgone apparteneva alla Nova Facility, la società trevigiana che gestisce l’hotspot.

Il rogo del furgone è stato segnalato da un passante al comando dei vigili del fuoco di Agrigento, che all’1.59 della notte (non alle 4 come detto in precedenza) ha avvertito il distaccamento di Lampedusa, subito intervenuto per spegnere le fiamme.

La zona, dove abitualmente vengono parcheggiati mezzi pesanti, è circondata da sterpaglie, ma l’incendio è partito dal furgone – secondo i primi accertamenti eseguiti – e l’indagine condotta dai carabinieri dovrà stabilire se si è trattato di un episodio doloso.

La Nova Facility, società trevigiana che gestisce l’hotspot, aveva preso il furgone a noleggio. L’impresa utilizza anche altri mezzi per il trasporto dei migranti nella tratta tra il porto e l’hotspot di contrada Imbriacola.

Il sindaco

Nell’hotspot di contrada Imbracola, al momento, ci sono 200 persone e la situazione è sotto controllo. A confermarlo è stato il sindaco Totò Martello. “La situazione è momentaneamente sotto controllo sia dal punto di vista logistico, che sanitario. Ma è chiaro che non si può continuare così. La tensione, sull’isola, resta alta perchè ci stanno facendo un danno di immagine incredibile. Ci sono un sacco di turisti e continuano ininterrottamente ad arrivare migranti. Non si può…”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.