19 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.22
Agrigento

primo maggio di protesta

Lampedusa, pescatori e imprenditori in piazza col sindaco: “Occorrono soluzioni per i problemi dell’Isola”

2 Maggio 2019

“Quest’anno, per la prima volta, anche a Lampedusa abbiamo celebrato il Primo Maggio con un appuntamento in piazza al quale hanno partecipato cittadini e rappresentanti delle categorie produttive”. A raccontarlo è il sindaco di Lampedusa e Linosa Totò Martello che ieri mattina ha tenuto un comizio in piazza Libertà, nel corso di una iniziativa promossa dall’Amministrazione comunale in collaborazione con associazioni locali di lavoratori, pescatori, commercianti e attività produttive delle isole Pelagie.

“Per difendere concretamente i diritti dei lavoratori bisogna innanzitutto difendere le loro legittime richieste” ha detto Martello, che ha ribadito in particolare tre punti che vedono l’Amministrazione comunale impegnata nei confronti delle istituzioni locali e nazionali: risolvere la questione legata alla sospensione delle tasse (accordata in seguito agli sbarchi di massa del 2011); rimuovere il “cimitero delle barche” (le carcasse delle imbarcazioni dei migranti che giacciono nei fondali del porto e di alcune aree di mare adiacenti la costa di Lampedusa); risarcire i pescatori di Lampedusa e Linosa per i danni provocati alle loro imbarcazioni dai relitti dei migranti affondati durante la navigazione, che giacciono nei fondali rovinando le attrezzature le reti delle marinerie locali.

Affrontare e risolvere queste ‘vertenze aperte’ – ha detto Martellosignifica difendere il lavoro dei cittadini di Lampedusa e Linosa e dunque l’economia delle nostre isole. La manifestazione di oggi è un segnale evidente di come queste richieste siano sostenute dai cittadini”.

“Ci aspettiamo che le istituzioni che hanno competenze dirette rispetto a questi tre punti non restino insensibili – ha concluso il sindaco – ma si attivino al più presto, altrimenti andremo avanti con forme più incisive di protesta”.

 

Leggi il post su Facebook in basso:

 

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.