Lampedusa: sta male su Ocean Viking, immigrato trasferito in ospedale :ilSicilia.it
Agrigento

il fatto

Lampedusa: sta male su Ocean Viking, immigrato trasferito in ospedale

di
30 Giugno 2020

Evacuazione medica per uno degli immigrati salvati, in acque libiche, nei giorni scorsi, dalla Ocean Viking. L’uomo non stava bene e, stanotte, è stato trasferito su una motovedetta della Guardia costiera italiana.

Il soccorso è avvenuto in acque internazionali, al largo di Lampedusa (Agrigento).

A bordo sono rimaste 117 persone. “Hanno bisogno di essere sbarcate con urgenza“, lanciano l’appello dalla ong Sos Mediterranee.

Intanto nella nave-quarantena “Moby Zazà“, che è in rada a Porto Empedocle (Agrigento), è rientrata al porto. Croce Rossa e Guardia costiera hanno fatto sbarcare una donna, alle prime settimane di gravidanza, che verrà trasferita, in via precauzionale, all’ospedale Cervello di Palermo.

 

Leggi anche

Moby Zazà rientra in porto e sbarca migrante incinta positiva al Covid-19

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.