L'annuncio: a Trapani Birgi tornano i voli Ryanair :ilSicilia.it
Trapani

Soddisfazione del presidente di Airgest Ombra

L’annuncio: a Trapani Birgi tornano i voli Ryanair

di
27 Settembre 2019

Dopo le anticipazioni date da alcuni gruppi sui social il presidente di Airgest, società di gestione dell’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani BirgiSalvatore Ombra conferma: «Ormai da diversi giorni, con intensificazione nello scorso weekend, abbiamo interagito fortemente con il gruppo Ryanair, in particolare – prosegue Salvatore Ombra – con una compagnia ad essa legata. La nostra disponibilità e la concretezza del nostro progetto hanno certamente stimolato nuovamente la loro fiducia verso lo scalo di Trapani, portando all’annuncio di questi nuovi collegamenti».

I nuovi collegamenti di Ryanair e tutte le rotte attuali dello scalo trapanese:

I collegamenti in questione, già vendibili sul sito Ryanair da questa mattina sono, a far data dal 29 marzo 2020, il Trapani/Bergamo ogni mercoledì, giovedì, sabato e domenica; il Trapani/Bologna con frequenza giornaliera da lunedì a domenica; il Trapani/Praga con frequenze ancora da definire.

Rimangono confermati i voli già operativi dallo scalo di Trapani Birgi, con Alitalia il Trapani/Roma con frequenza giornaliera, sempre con Alitalia, il Trapani/Milano con frequenza giornaliera; con DAT, in seno alla Continuità territoriale, il Trapani/Pantelleria con due voli al giorno, e frequenza giornaliera. E, ancora con HelloFly il Trapani/Napoli il venerdì e il lunedì. Infine Blue Air opererà il Trapani/Torino a far data dal 17 giugno 2020.

«La notizia è da prendere con positività – afferma il presidente Salvatore Ombra – dato che sembrava ormai certo che la prossima Summer non fosse previsto alcun collegamento operato da Ryanair. L’incontro del 30 settembre, già annunciato, sarà l’occasione per inserire questi collegamenti in una proposta di piano per il futuro più ambizioso e soddisfacente per il territori
© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.